Venderò le mie scarpe nuove
Ad un vecchio manichino
Per vedere se si muove
Se sta fermo
O se mi segue nel cammino

Venderò il mio diploma
Ai maestri del progresso
Per costruire un nuovo automa
Che dia a loro più ricchezza
E a me il successo

Ai signori mercanti d’arte
Venderò la mia pazzia
Mi terranno un pò in disparte
Chi è normale
Non ha molta fantasia

Raffaele è contento
Non ha fatto il soldato
Ma ha girato e conosce la gente
E mi dice: stai attento
Che resti fuori dal gioco
Se non hai niente da offrire al mercato

Venderò la mia sconfitta
A chi ha bisogno
Di sentirsi forte
E come un quadro che sta in soffitta
Gli parlerò della mia cattiva sorte

Raffaele è contento
Non si è mai laureato
Ma ha studiato e guarisce la gente
E mi dice: stai attento
Che ti fanno fuori dal gioco
Se non hai niente da offrire al mercato

Venderò la mia rabbia
A tutta quella brava gente
Che vorrebbe vedermi in gabbia
E forse allora
Mi troverebbe divertente

Ogni cosa ha un suo prezzo
Ma nessuno saprà
Quanto costa la mia libertà

(Edoardo Bennato, 1976)

 

Venderò

Un pensiero su “Venderò

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.