Un pensiero su “Giulia Pecis Cavagna

  • Nunzia Vezzola
    21 Maggio 2018, 12:18 alle
    Permalink

    La spirale secondo me è un marchio azzeccato per la ricchezza e articolazione dei suoi valori simbolici (v. anche l’altro marchio con la spirale), per la sua pregnanza, linearità e facilità di memorizzazione. E’ inoltre un marchio originale.
    In questo caso, i colori la arricchiscono ulteriormente di altri significati simbolici e di un’ulteriore gioiosità e bellezza. Idem per l’acronimo LAIF colorato.
    Il punto debole che ci vedo è legato alla presenza delle persone stilizzate e del neologismo imparaenti, i quali, se sul piano comunicativo sono un valore aggiunto (la comunità-mondo, il “villaggio per crescere un bambino”), sul piano pratico della riproduzione, magari in formato micro, rischiano di rappresentare un problema, credo. Da verificare.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.