Studiare all’università senza diploma non solo è possibile, in Europa come in America; è già una realtà. Eccone un esempio concreto.

Sara, italiana, ha scelto di non conseguire il diploma di maturità e adesso studia giornalismo a Glasgow, in Scozia: segue i corsi al college, supera regolarmente e brillantemente gli esami e, pur essendo straniera, già dallo scorso dicembre è editor capo del giornale del college, il “Clyde Insider”, conosciuto ed apprezzato anche al di fuori dell’ambiente universitario (ecco il link alla pagina di Sara). È insolito che l’editor capo cambi in corso d’anno, ma in questo caso l’avvicendamento è stato voluto sia dai compagni che dalla responsabile del corso, a riprova della stima che Sara ha saputo suscitare intorno a sé.

Ma i suoi successi non finiscono qui: a febbraio Sara ha rappresentato il suo corso di laurea al meeting di Londra con il National Council for the Training of Journalists; i corsi accreditati dall’NCTJ (come quello frequentato da Sara, appunto) sono riconosciuti in tutto il Regno Unito e hanno ottenuto un riconoscimento formale anche all’interno dell’Unione Europea. Al momento, inoltre, Sara sta aspettando la conferma per la partecipazione ad uno stage di lavoro presso un giornale collegato alla BBC.

E, ciliegina sulla torta, pochi giorni fa Sara è stata selezionata tra i 5 finalisti del premio giornalistico studentesco nazionale (SSJA Awards) per la categoria del Giornalismo Investigativo. Questo premio non è mai stato assegnato a studenti del primo anno, quindi Sara non si fa illusioni sulle sue possibilità di vincere, ma proprio per questo motivo è un grandissimo onore e un inatteso successo avere il proprio nome nella rosa di finalisti.

Sappiamo benissimo che Sara ha già vinto un’altra sfida, ben più alta del valore di questo premio in sé: quella di aver creduto in se stessa, nelle proprie potenzialità, nei propri sogni, quella di chi si misura con le proprie aspirazioni, ci scommette su e lotta per la loro realizzazione! Sappiamo bene che questa vittoria è ben superiore a quella del riconoscimento dell’SSJA Awards.

Ciò non toglie che continuiamo ad incrociare le dita per Sara perché vinca anche il premio SSJA.

Trovate ulteriori informazioni su Sara al link: https://scuolaiqbalemalala.wordpress.com/2018/05/10/sara-finalista-per-il-giornalismo-investigativo/.

All’università senza diploma. Con successo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *