Descending the cold steps of the institution for the politically insane
Never to be seen again
Saying farewell to daylight
From henceforth I shall rot in a stinking bed of wet straw

Right from the ashes of life I learned to behave
What to believe, what not to say, from cradle to grave
Ah …..  like a good little slave

Sucking my milk from the venomous tit of the state
This clearly designed to suppress every thought of escape
Ah …..  I surrender to fate

No pity, no pity
Don’t want no pity for me in this filthy ceil
I’ll see you in hell
See you in hell

Frozen in time, I’m a specimen pinned to my throne
With an army of butterflies pilloried placid and prone
Ah …..  we were never alone

No pity, no pity
Don’t want no pity for me in this filthy ceil
I’ll see you in hell

After centuries of living with nothing but my convictions
Broken fingers clawing through the walls of my incarceration
Escaping the clutches of eternal damnation
I was justified

(Deep Purple, 2017)

Scendendo le fredde scale dell’istituzione per i malati politici
Per non venir mai più visti
Dicendo addio alla luce del sole
Da adesso in poi dovrò marcire in un letto puzzolente di fieno bagnato

Ho imparato come comportarsi direttamente dalla cenere della vita
A cosa credere, cosa non dire, dalla culla alla tomba
Ah .…. come un buon piccolo schiavo

Bevendo il mio latte dal seno velenoso dello stato
Questo è stato chiaramente disegnato per opprimere ogni pensiero di scappare
Ah ….. mi arrendo al destino

Niente pietà, niente pietà
Non voglio pietà per me in questa lurida cella
Ti vedrò all’inferno
Vedrò all’inferno

Ghiacciato nel tempo, sono un esemplare incollato al mio trono
Con un’armata di farfalle messe alla gogna tranquille e inclini
Ah ….. Non siamo mai stati soli

Niente pietà, niente pietà
Non voglio pietà per me in questa lurida cella
Ti vedrò all’inferno

Dopo secoli di vita senza niente ma le mie convinzioni
Dita rotte che grattano le mura del mio carcere
Scappando dalle grinfie della dannazione eterna
Sono stato giustificato

(Tradotto dall’inglese da Marco Leali)

Time for bedlam

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.