My my, hey hey 

My my, hey hey
Rock and roll is here to stay
It’s better to burn out
Than to fade away
My my, hey hey.

Out of the blue
and into the black
They give you this,
but you pay for that
And once you’re gone,
you can never come back
When you’re out of the blue
and into the black.

The king is gone
but he’s not forgotten
This is the story
of a Johnny Rotten
It’s better to burn out
than it is to rust
The king is gone
but he’s not forgotten.

Hey hey, my my
Rock and roll can never die
There’s more to the picture
Than meets the eye.
Hey hey, my my.

(Neil Young, 1979)

My my, hey hey
Il rock and roll è qui per restare
È meglio esaurirsi
Che svanire
My my, hey hey

Fuori dal blu
E dentro nel nero
Ti danno questo,
Ma tu paghi per quello
E una volta che sei andato,
Non puoi mai più tornare
Quando sei fuori dal blu
E dentro nel nero

Il re è andato
Ma non è dimenticato
Questa è la storia
Di un Johnny Rotten
È meglio esaurirsi
Che arrugginire
Il re è andato
Ma non è dimenticato.

Hey hey, my my
Il rock and roll non può morire mai
Nel quadro c’è più
Di quel che salta all’occhio
Hey hey, my my

(Tradotto dall’inglese da Marco Leali)

Hey hey, my my

Hey hey, my my
Rock and roll can never die
There’s more to the picture
Than meets the eye.
Hey hey, my my.

Out of the blue
and into the black
You pay for this,
but they give you that
And once you’re gone,
you can’t come back
When you’re out of the blue
and into the black.

The king is gone
but he’s not forgotten
Is this the story
of Johnny Rotten?
It’s better to burn out
’cause rust never sleeps
The king is gone
but he’s not forgotten.

Hey hey, my my
Rock and roll can never die
There’s more to the picture
Than meets the eye.

(Neil Young, 1979)

Hey hey, my my
Il rock and roll non può morire mai
Nel quadro c’è più
Di quel che salta all’occhio
Hey hey, my my

Fuori dal blu
Dentro nel nero
Tu paghi per questo,
Ma ti danno quello
E una volta che sei andato,
Non puoi più tornare indietro
Se sei fuori dal blu
E dentro al nero

Il re è andato
Ma non è dimenticato
È questa la storia
Di un Johnny Rotten?
È meglio esaurirsi
Perché la ruggine non dorme mai
Il re è andato
Ma non è dimenticato

Hey hey, my my
Il rock and roll non può morire mai
Nel quadro c’è più
Di quel che salta all’occhio

(Tradotto dall’inglese da Marco Leali)

Hey hey, my my

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.