“Misure per il sostegno economico dell’istruzione parentale” è il titolo di una proposta di legge del 2019, che prevede un contributo economico alle famiglie homeschooler.

Com’è noto, LAIF ricerca contatti istituzionali qualificati. In questo lavoro,  ha incontrato tra l’altro l’interessamento dell’on. Ketty Fogliani, componente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati. Tale organismo è afferente al MIUR e uno dei suoi compiti è quello di vagliare i provvedimenti inerenti la materia dell’istruzione sia scolastica, sia  riferita agli homeschooler.

La deputata ci ha inviato una proposta di legge da lei curata e firmata da 30 deputati, tendente a far riconoscere alle famiglie in istruzione parentale un contributo economico per l’impegno finanziario che le stesse sostengono per motivo della scelta effettuata.

Il presupposto è che le famiglie che provvedono direttamente all’istruzione dei figli, producono un risparmio a beneficio dello Stato.
L’obiettivo del disegno di legge è quello di operare, in una certa misura, una perequazione di trattamento tra i cittadini.

Ci rendiamo conto che questo non è esaustivo di tutte le problematiche dell’istruzione parentale in Italia, ma significa un’attenzione al fenomeno, che per alcuni aspetti viene riconosciuto in sede istituzionale, parzialmente anche nel suo valore economico.

Poniamo quindi alla vostra attenzione questo documento, ricevuto dall’On. Ketty Fogliani, per informarvi della sua esistenza, per sensibilizzare gli homeschooler a questo tema e per raccogliere eventualmente pareri, suggerimenti ed osservazioni, di cui ci faremo portavoce.

Quella che abbiamo è un’occasione di dialogo, di questi tempi per noi importante.

Ovviamente da questa azione può scaturire un esito il cui segno non è scontato, né predefinito. Il percorso di questa proposta al momento non è agevole per tanti motivi; dipenderà anche dai segnali che arriveranno alla Camera dei Deputati dal nostro mondo.

Sergio Leali

Sostegno economico agli homeschooler? C’è una proposta di legge!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *