Ciao a tutti. Oggi vorrei parlarvi di un tema che mi sta molto a cuore: l’amore per sé stessi e il proprio corpo (Body Positivity) visto che, come adolescente, capisco quanto si tratti di un periodo molto delicato per l’autostima. La mia non è mai stata al massimo, ma ci sto lavorando!

P.S. Testo originalmente scritto in inglese.  Troverete la versione italiana sotto

Dedicato ad una mia amica e dedicato a tutti gli adolescenti
che non si sentono mai abbastanza.

***

To my friend, to all the people/teenagers
that never feel like they’re enough

Years ago, like most teenagers, I was in a bad place. I was closed off to the world and my only focus was reading books and basically being perfect (on the outside, God forbid). Anyway, I developed an eating disorder (something that’s more common than ever these days, especially in teenage girls but also in grown men, women or boys).

My goal was to be skinny and have abs, because society and people around me made me think from 10-11 years old, that there was something wrong with my body because I was chubbier than other children my age (or that’s what I thought). Which is madness if we take a minute to think about it.

We were born with the body we have for a reason and that’s okay. Why should we ever change who we are or develop eating disorders to adapt to the insane standards of society or be liked by other people?

The world is beautiful because we are all different. So in my eyes, at that moment thanks to the judgment of society “skinny” meant beautiful...Undeniably beautiful (surprise surprise, not true). And undeniably beautiful meant boys would like me. In my head, that was the most perfect plan of all.

Credits Pinterest

Because, maybe not all but most teenage girls, for some unexplainable reason, crave approval from boys their age on how they look on the outside… not inside.

Anyway, I went through months where I was eating very little and I was exercising too much. Over the weeks my portions of food would get smaller, and my workouts would get tougher. I was so frustrated with the way my body looked, and I was always angry with everyone because I basically wasn’t eating enough. It was like I had two hams the size of Tennessee on my eyes.

My eyes would only see what I wanted them to see. 

The situation was so bad, that one day it just exploded. (Mine was still an eating disorder, but luckily I didn’t let it get too far, mostly thanks to my parents and their unwavering support. But also thanks to the fact I reacted when I saw what was happening and how unhappy I felt, and so I stopped it before I could find myself in a hospital).

Body Positivity

Luckily, I love good food and cooking too much.

I’m lucky because I had time for myself, to be able to look inside myself. To stop the whole world that was spinning too fast around me. To create my cocoon like a butterfly that needs time before it can go out and take flight.

And so I picked up the pieces of what was left, of myself, and veered down a new route. That route was Body Positivity.

Now, there’s a lot of controversy around this topic, but I need to unpack it and explain it to you before you draw any conclusions whatsoever.

Body Positivity is about loving yourself as you are: without diets, without wanting to be what you think other people want you to be. And actually, if you want to go on diets, there’s nothing wrong with that. But it needs to be healthy, and healthy means it has to be good for you and for no one else. It means you get the right amount of food every day (right for you, everyone’s different) and that you love yourself along the way.

In my opinion, body positivity means not only loving yourself, but loving everyone else in the world in all their shapes, sizes, colors…

It does not promote obesity, differently from what certain people think. Obesity is something serious that needs to be treated carefully, it’s an eating disorder too. Often it’s when you’re constantly eating food (especially junk food), without listening to the signals your body provides for you and not eating the amazing fruits and veggies the earth has to offer. It’s when you don’t take care of yourself anymore or you shut off to the world and eat to make yourself feel better (which, if you listen to yourself there’s nothing wrong with that). Sometimes it’s the body itself that doesn’t respond well to food. In short, serious stuff.

Happiness

Look, I can’t tell you this choice is perfect, the choice of loving yourself no matter what and accepting yourself as you are. It does have its ups and downs, like everything. But what I can tell you is that since I started this incredible journey for myself, I felt happiness for the first time in a long time.

I felt okay, calm about myself and the world. I felt raw, real, melt-your-bones and calming type of happiness rush through my body for the first time. It was unbelievable.

I still feel that happiness, but I obviously have my bad days too.

And for the first time I started to understand that bad days are also here for a reason: they make you appreciate the good days.

Life!

Thanks to this journey, I started going out more, doing all the things I was afraid to do but that I didn’t before. I might not be the best in social situations. Yeah, my whole body feels like it’s a living earthquake and my mouth trembles when I smile. Yeah, sometimes words don’t come and I just do an awkward little laugh instead. Who cares?

I am learning to go beyond my comfort zone and to love myself regardless of the judgment of others. The point is that I’ve tried.

Just because I’m not the best and maybe I’ll never be, doesn’t mean I don’t get to try, fail or succeed.

So if you don’t try and just stay closed off and cocooned in your shell, your comfort zone, you’re never gonna really live. And life is short, it hangs by a thread.

I don’t want to wake up at 50 years old knowing that I haven’t lived life just because I was too worried about what other people thought of me.

I want to enjoy being with my family rather than on my phone, and that’s what I’ve started doing. Because I love them, and I need every little moment I can get with them.

My body is a normal woman’s body, it’s chubby and beautiful. I am worth of love, I am worth of living life, I am worth of confidence. I won’t let people’s hidden opinions tear me down.

This journey allowed me to  find a love for hard and sweaty workouts and new fresh foods. I found a new love for my chubby stomach rolls and my jiggly thighs.

Say yes to going out alone with your friends. Say yes to food. Say yes to watching movies with your family. Say yes to trying. Say yes to LIFE and do it for yourself.

We were sent here for a reason, and I belive that is to LIVE!

 

Credits Pinterest

VERSIONE ITALIANA

Anni fa, come la maggior parte degli adolescenti, ho passato un brutto periodo. Ero chiusa al mondo e l’unica cosa su cui ero concentrata era leggere libri e praticamente essere perfetta (esternamente, Dio me ne salvi…). Così, con le mie insicurezze, ho sviluppato un disturbo alimentare (che è molto comune di questi giorni, specialmente in ragazze e ragazzi giovani, ma spesso anche in donne e uomini adulti).

Il mio obbiettivo era diventare magra e avere gli addominali in vista, perché la società e le persone intorno a me mi avevano fatto pensare, dai 10-11 anni in su, che c’era qualcosa di sbagliato con il mio corpo perché ero magari più in carne di altri bambini della mia età (almeno… è ciò che pensavo).

Cosa che è pura follia se ci prendiamo un minuto per pensarci! Siamo nati con il corpo che abbiamo per un motivo e va bene così. Perché dovremmo mai cambiare chi siamo o sviluppare disturbi alimentari per adattarsi agli standard folli della società o essere apprezzati dagli altri?

Il mondo è bello perché siamo tutti diversi.

Così ai miei occhi, in quel momento grazie al giudizio della società “magra significava bellissima”… (sorpresa sorpresa, non vero). E bellissima voleva dire che sarei stata carina per i ragazzi della mia età. Nella mia testa, quello era il ragionamento più giusto al mondo.

Perché forse non tutte, ma la maggior parte delle ragazze adolescenti, per qualche inspiegabile motivo desiderano l’approvazione dei ragazzi della loro età su come sono fuori… Non dentro.

Ho passato mesi dove mangiavo pochissimo e facevo molto esercizio fisico. Nel corso delle settimane, le mie porzioni di cibo diventavano sempre più piccole e i miei allenamenti sempre più impegnativi. Ero così frustrata da com’era il mio corpo ed ero sempre arrabbiata con tutti per via che non mangiavo abbastanza.

Era come se avessi due fette di prosciutto delle taglia del Tennessee sui miei occhi. I miei occhi vedevano solo ciò che io volevo che vedessero. 

La situazione era così brutta che un giorno scoppiò. (Il mio era un disturbo alimentare, ma per fortuna non l’ho lasciato andare troppo lontano, sopratutto grazie ai miei genitori e al loro incrollabile supporto. Ma è anche il fatto che io sia riuscita a reagire quando ho visto cosa stava succedendo e quanto infelice mi sentivo che mi ha permesso di fermare tutto prima che potessi ritrovarmi in ospedale)

Body Positivity

Per mia fortuna amo troppo il buon cibo e cucinare…

Sono fortunata di avere avuto tempo per me, per poter guardarmi dentro. Per fermare tutto il mondo che girava troppo velocemente attorno a me. Per crearmi il mio bozzolo come la farfalla che ha bisogno di tempo prima di poter uscire e prendere il volo.

Così, ho raccolto i cocci di ciò che rimaneva di me e decisi di imboccare una nuova strada. Questa strada è il Body Positivity.

Su questo tema ci sono parecchie idee diverse, però sento di voler analizzare questo argomento e spiegarvelo prima che qualcuno ne tragga qualsiasi conclusione.

Il Body Positivity parla di amarsi come siamo: senza diete, senza voler essere ciò che pensi che gli altri vogliano che tu sia. E in realtà, se vuoi fare una dieta, non c’è nulla di male, ma dev’essere salutare. Salutare significa che dev’essere sano per te e per nessun altro. Significa che devi mangiare le giuste quantità di cibo ogni giorno (giuste per te, ognuno è diverso) e che ti vuoi bene durante questo percorso.

Secondo me, Body Positivity non significa solo apprezzare se stessi, ma apprezzare chiunque nel mondo con le diverse forme del corpo, taglie, colori…

NON promuove l’obesità, differentemente da ciò che pensano alcune persone. L’obesità è un tema serio che dev’essere trattato con cautela. Si tratta di un disturbo alimentare importante. Spesso è quando si mangia continuamente (sopratutto cibo spazzatura), senza ascoltare i segnali del corpo e senza nutrirsi di tutta la fantastica frutta e verdura che la terra ci offre. E’ anche quando non ci si prende più cura di noi stessi o ci chiudiamo al mondo e mangiamo per sentirci meglio (ma se ci ascoltiamo con cura non c’è nulla di male in questo). A volte è proprio il corpo a non rispondere bene al cibo. Insomma cose serie.

Felicità

Guarda, non posso dire che questa scelta sia perfetta. La scelta di volersi bene incondizionatamente e accettarsi come siamo comporta alti e bassi come tutto. Ma ciò che posso dire è che da quando ho iniziato questa strada per me stessa, ho provato una grande felicità che era da molto che non provavo.

Mi sento bene, tranquilla con me stessa e il mondo. Ho sentito un tipo di felicità viscerale, reale, che ti scioglie e rilassa, attraversare il mio corpo per la prima volta. E’ stato incredibile.

Sento ancora quella felicità, ma ovviamente ho anche i miei giorni no. Ma per la prima volta, ho capito che anche i giorni negativi arrivano per un motivo: arrivano per farti apprezzare i giorni buoni!

Vita!

Grazie a questa esperienza, ho iniziato ad uscire maggiormente, a fare tante attività. Ero un po’ intimorita a fare ciò che non facevo prima, non sono la migliore nelle situazioni sociali perché sono sempre stata timida. Eh sì, a volte tutto il mio corpo sembra un grande terremoto e la mia bocca trema quando sorrido… a volte le parole non arrivano e rispondo solo con una strana risatina, ma a chi importa?

Sto imparando ad andare oltre la mia comfort zone e a volermi bene senza badare al giudizio degli altri. Il punto è che almeno ho provato. Solo perché non sono la migliore e forse non lo sarò mai, non significa che non posso provare, fallire o riuscire.

Il fatto è che se non provi e rimani semplicemente lontano dal mondo e rinchiuso nel tuo guscio, nella tua comfort zone, non vivrai mai davvero.

E la vita è breve, è appesa ad un filo.

Non voglio svegliarmi a 50 anni e non aver vissuto pienamente la mia vita per paura di ciò che pensavano gli altri di me.

Preferisco godermi i momenti con la mia famiglia, piuttosto che sul mio cellulare. Ed è ciò che sto facendo perché gli voglio bene e ho bisogno di ogni piccolo momento che posso avere con loro.

Il mio corpo è un corpo normale da donna, è cicciotello e bello. Merito di essere amata, merito di vivere la vita, sono degna di fiducia. Non lascerò che le opinioni nascoste delle persone mi abbattano.

Questa esperienza mi ha permasso di trovare l’amore per allenamenti impegnativi che mi fanno sudare e per nuovi cibi freschi. Ho trovato un nuovo amore per i rotolini della mia pancia e le mie cosce tremolanti.

Dì di sì per uscire sola con i tuoi amici. Dì di sì al cibo. Dì di sì a guardare film assieme alla tua famiglia. Dì di sì alla VITA e fallo per te.

Siamo stati mandati qui per un motivo e penso che sia per VIVERE!

Buon Body Positivity a tutti!

 

Troverete altri articoli della mia rubrica “MyFlawlessSoul” a questo link

 

Aurora, quindicenne in istruzione parentale

 

 

 

Body Positivity

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *