La nuova circolare ministeriale

Home » News » Aggiornamenti della normativa » La nuova circolare ministeriale

Homeschooling, scuola parentale e la nuova circolare ministeriale è il titolo della diretta streaming organizzata da Terra Nuova Edizioni e LAIF. L’intento è quello di fare chiarezza su un tema di grande attualità.

L’appuntamento è per mercoledì 19 gennaio alle ore 21.

Verranno approfonditi i contenuti della circolare ministeriale 29452 del 30 novembre 2021, tra l’altro relativa anche alla dichiarazione di istruzione parentale. In particolare parleremo di:

  • la data del 28 gennaio per la presentazione della comunicazione di istruzione parentale,
  • il progetto didattico-educativo,
  • la scuola d’esame.

I relatori sono due associati LAIF:
– Sergio Leali, presidente dell’associazione
– Cecilia Fazioli, pedagogista, counsellor, esperta di scuole parentali e autrice de libro “La scuola parentale. Come farla diventare un’opportunità per bambini e ragazzi”.

LAIF ha già fatto un approfondimento sulle nota ministeriale e preso posizione in merito. Ha anche proposto una linea di rivendicazione dei propri diritti.

Evidentemente, la centralità del tema è accentuata dalla fase che il sistema dell’istruzione sta vivendo: o le famiglie entro il 28 gennaio effettuano l’iscrizione alle scuole, oppure optano per l’istruzione parentale.
Attorno a questa scelta si muovono in questo particolare anno, dinamiche, prassi e nuove pratiche, che stanno in tanti casi disorientando le famiglie.
La circolare ministeriale 29452, infatti, introdurrebbe delle novità che tuttavia non sempre persuadono. Infatti non sembrano suscettibili di produrre una semplificazione nei già (non di rado) difficili rapporti tra le istituzioni scuola, amministrazioni, famiglia.

Sarà possibile seguire la diretta streaming:

Mostra meno

58 commenti su “La nuova circolare ministeriale”

  1. Salve il prossimo anno mio figlio dovrà fare la prima elementare, attualmente va all’asilo comunale.
    Voglio intraprendete x lui la strada dell’istruzione parentale ma non ho ben capito l’iter da affrontare entro il 28 gennaio di quest’anno.
    Devo comunque iscriverlo on-line alle elementari e fare dopo il rjtiro per la patentale.
    O non devo iscriverlo e fare la comunicazione della patentale comunque entro il 28
    Per favore rispondetemi perché il tempo stringe

    Rispondi
  2. Buongiorno, complimenti per il vostro sito e il vostro lavoro. Mia figlia dovrebbe iscriversi a settembre alla prima elementare, per cui mi sembra di aver capito, da commenti /risposte sopra, che NON devo iscriverla, ma solo fare la comunicazione di istruzione parentale alla scuola più vicina per residenza (e magari anche all’attuale istituto comprensivo, che è invece è un altro?). Mio figlio più grande invece fa attualmente la seconda media: posso per il momento lasciarlo iscritto e ritirarlo successivamente , ad esempio a settembre, oppure anche per lui devo comunicare entro il 28 gennaio che il prossimo anno, la terza media la farà attraverso la scuola parentale? Grazie in anticipo, seguirà con piacere la vostra diretta. Cordiali saluti. Giuseppe A.

    Rispondi
  3. Buongiorno,
    Ho iniziato ieri la procedura di iscrizione al LAIF, sono mamma e docente.
    Mia figlia è attualmente iscritta in prima elementare, è necessaria la disiscrizione per l’anno prossimo oltre alla dichiarazione di parentale o quest ‘ultima è sufficiente? Va mandata anche al sindaco?
    La richiesta del DS di chiedere il titolo di studio dei genitori e la sede del prossimo anno sono lecite?
    Se al posto del PDE non dovessero accogliere la lettera traccia?

    Grazie mille

    Rispondi
  4. Buonasera il prossimo anno mio figlio (a settembre compirà 14 anni) inizierà la scuola secondaria di II Grado (non abbiamo ancora scelto se Liceo, Istituto Tecnico, o altro).
    Mi piacerebbe iniziare con lui la strada dell’istruzione parentale, ma ho ancora qualche dubbio sull’iter da seguire entro il 28 gennaio di quest’anno.
    Leggendo le varie FAQ del sito LAIF mi sembra di aver capito quanto segue: devo inviare via pec al DS e, come da voi consigliato, anche al Sindaco, il modulo “Comunicazione di Istruzione Parentale” e non iscriverò mio figlio ad alcun Istituto (come invece avverrebbe se usassi il sito del MIUR). Devo fare richiesta di inviarmi la copia protocollata da parte di entrambi? Oppure è sufficiente archiviare la risposta di avvenuta lettura della mail? E se il DS facesse “storie” cosa rispondere? Finita la terza media, dovrò chiedere di consegnarmi il fascicolo scolastico di mio figlio?
    PROGETTO DIDATTICO EDUCATIVO: quando bisogna presentarlo? Come va fatto? Nel mio caso lo devo presentare entro il 30 aprile del 2023 o invece entro il 30 aprile di quest’anno?
    Le mie difficoltà dipendono appunto dal fatto che il prossimo settembre mi rapporterò con le “Superiori” e non capisco chi sarà poi la persona di riferimento, il nuovo DS…
    Le domande in testa sono veramente tante e non vorrei commettere errori. Chiedo a voi quindi quali sono i primi passi da compiere.
    Grazie mille per il vostro aiuto e spero di essere stata chiara nelle mie domande.

    Rispondi
  5. Buonasera e complimenti per il vostro lavoro.
    Abbiamo deciso per la scuola parentale per nostro figlio che inizierà la prima primaria, per cui entro il 28/1 presenteremo comunicazione via PEC.
    Il progetto didattico educativo e la richiesta di iscrizione all’esame (oppure richiesta colloquio di accertamento) vanno presentati insieme?
    Ma soprattutto, entro il 30/4 di quale anno: 2022 o 2023?
    Grazie mille per l’aiuto!

    Rispondi
  6. Buongiorno, ho seguito la diretta ma vorrei una conferma. Ho due figli: il primo passerà alla scuola secondaria di primo grado (le vecchie medie) ma ancora non ho deciso se fargli fare la parentale .Mi pare di aver capito che possa eventualmente portarlo alla scuola parentale in qualsiasi momento anche nel caso lo iscrivessi alla scuola tradizionale, ovviamente con le dovute comunicazioni.
    L’altro bambino è già in scuola parentale e sicuramente continuerà , in questo caso non mi è chiaro se devo fare la comunicazione di continuazione entro il 28 gennaio.

    Grazie mille spero di essere stato chiaro mi

    Rispondi
  7. Ciao e grazie di esistere! Io ero all’oscuro di questa circolare e ho iscritto il mio bimbo (5 anni) al primo anno della scuola primaria di residenza. L’idea era rimanere con un pjede in due scarpe e vedere se si riusciva a far partire un progettino parentale con altri genitori. Ad oggi, non ho certezze che il progetto partirà. La vicepreside del complesso è convinta che se voglio fare istruzione parentale devo ritirare il bambino, mandare dichiarazione e progetto entro il 28 gennaio. Come devo muovermi quindi? Ho letto tutte le altre domande e risposte..mi è sembrato di capire che essendo la prima volta, siamo liberi di ritirarlo in qualsiasi momento, come se la circolare ai riferisse solo a chi ha già inizoato un percorso di homeschooling e lo porta avanti. Ho capito bene? Se sì, dove trovo esattamente scrittw queste cose? In modo da poterne parlare con la vicepreside o preside direttamente..
    Grazie mille!

    Rispondi
  8. Gentile lettore/ lettrice buongiorno,

    -Mi trasloco dall’Olanda in Italia il 4 marzo 2022. Con una figlia di 6 anni ed una figlia di 8 anni.
    Non voglio mandarle subito a scuola in Italia perché non parlano italiano ancora e le mascherine a scuola rendono, secondo me, molto difficile l’apprendimento di una nuova lingua. Loro non sono neanche abituate alle mascherine perché in Olanda non c’è mai stato l’obbligo fino a 12 anni…

    Le mie 3 domande:

    1- Sono sicura di non mandarle a scuola fino alla fine dell’anno scolastico 2021/2022.
    Devo comunicare subito che arrivo in Italia (a marzo) che le tengo a casa con l’istruzione parentale?

    2- Se da settembre le mascherine sono ancora d’obbligo le tengo a casa ancora, quindi anche per l’anno 2022/2023.
    Ma quando lo devo comunicare questo, non essendo ancora sicura cosa decideranno sulle mascherine?

    3- i bambini sono obbligati a fare ogni anno un esame? O solo al termine del percorso d’ istruzione?

    Grazie mille per il vostro aiuto e impegno,
    Gentili Saluti,
    Elisabeth de Reede (comune Dernice, AL)

    Rispondi
    • Ciao Elisabeth,
      Rispondo singolarmente a d ogni punto:
      1) dovrai comunicare che le tieni a casa con l’istruzione parentale appena avrai preso la residenza; infatti devi inviare la comunicazione alla scuola del territorio di residenza
      2) teoricamente dovresti comunicare al più presto se prosegui con l’istruzione parentale,
      3) questa questione è controversa e la normativa in merito non è proprio chiara … diciamo che è interpretabile. C’è l’obbligo di un accertamento annuale del dovere di istruzione. I punti da cui partire per qualsiasi ragionamento sono l’art. 23 del D. Lgs. 62/2017 (riformulato nel D.M. 5/2021) e il Decreto Ministeriale 13 dicembre 2001, n. 489, Art. 2, comma 7.
      Ci sono più strade di lettura: quella più scontata e letterale (che spesso però non coglie la specificità dei percorsi intrapresi) ed almeno un’altra, più articolata e organica ai percorsi di istruzione parentale più improntati alla personalizzazione (che però richiede aperture di dialogo e dialettiche con i dirigenti non sempre facili e dagli esiti non scontati).
      Saluti.

      Rispondi
  9. Buonasera, mia figlia andrà in prima superiore a settembre, sicuramente parentale, devo comunicare ciò solo alla scuola media uscente o anche alla scuola superiore che lei vorrebbe frequentare?
    Grazie e buona serata

    Rispondi
  10. Buon giorno.
    Ringrazio per la vostra disponibilità e preparazione e mi scuso se pongo questi quesiti forse in forte ritardo.
    Io abito in Trentino e non ho capito se da noi il Presidente della Provincia Autonoma ha emesso ordinanze/regolarmenti diversi rispetto al resto d’Italia.
    Mia figlia frequenta la terza di un Liceo Linguistico e vorrei optare per scuola parentale o homescholling per l’anno scolastico prossimo. Ho mandato una mail alla Dirigente per chiedere in merito al termine ultimo per inviare questa richiesta, e mi ha confermato che devo inviare richiesta entro dopodomani 28 gennaio, affiancando il programma che mia figlia vorrà seguire. Mi ha anche detto che in agosto posso riiscrivere mia figlia all’Istituto (potrebbe essere inserita però in un’altra sezione, credo io). Altre persone mi dicono che il termine non è il 28 gennaio, ma posso fare anche in agosto richiesta di ritirare la ragazza.
    Chiedo conferma , perché obiettivamente sono in crisi.
    Ringrazio molto per la risposta.

    Rispondi
  11. Buongiorno, ho appena trovato il riferimento nella circolare ministeriale 29452 del 30 novembre 2021, appunto dice che non rientrano nell’ambito di applicazione della presente circolare le iscrizioni agli anni successivi al primo, ho bisogno di sapere, quindi, in quale modo deve fare la domanda di iscrizione a scuola chi è gia’ in istruzione parentale adesso, per questo anno scolastico, e vuole rientrare a scuola l’anno prossimo, cioe’ 2022/23, per frequentare una classe successiva alla prima, cioè la seconda, dal momento che le iscrizioni on line sono previste solo per le prime classi di ogni ordine e grado e non per gli anni successivi al primo. Vorrei capire cioè se per rientrare alla frequenza scolastica e’ sufficiente non rinnovare la dichiarazione di istruzione parentale oppure bisogna fare una domanda cartacea. Il mio dubbio riguarda anche il fatto che i ragazzi che seguono l’istruzione parentale devono fare un esame di idoneità a giugno, quindi come possono iscriversi ad una classe successiva a gennaio se l’esame e’ previsto per giugno? Vi ringrazio per la risposta che mi fornirete.

    Rispondi
    • Ciao Maria,
      per rientrare alla frequenza scolastica non e’ sufficiente non rinnovare la dichiarazione di istruzione parentale. Bisogna fare una domanda cartacea alla scuola prescelta per la frequenza.
      Nella domanda si dovrà indicare che i genitori si fanno carico di comunicare tempestivamente alla scuola l’ammissione alla classe prescelta, non appena il ragazzo avrà superato l’esame relativo.
      Cordiali saluti.

      Rispondi
      • Grazie mille della tempestiva rispsota, chiedo la cortesia di farmi sapere, se e’ possibile, se e’ necessario inviare la domanda cartacea entro il 28 gennaio, e se lo si puo’ fare tramite mail anche non pec. Grazie della vostra disponibilita’ e complimenti per la competenza e preparazione e per il prezioso aiuto che ci fornite.

        Rispondi
        • Ciao Maria,
          Secondo me, il termine “cartaceo” nella nota ministeriale è da intendersi come opposto a online, ovvero non tramite un form.
          Perciò, sempre secondo me, la pec è una scelta corretta. Ma so di alcuni Dirigenti che hanno fatto storie. Non molti, per la verità. Io comunque ci proverei.
          La mail ordinaria te la sconsiglio perché a te serve avere una prova che la scuola abbia ricevuto la tua comunicazione (non la domanda). Perciò, l’alternativa alla pec può essere la raccomandata con ricevuta di ritorno, oppure la consegna a mano con protocollo.
          Un saluto.

          Rispondi
  12. Grazie mille per la risposta tempestiva e complimenti per il vostro lavoro e il vostro sito le vostre informazioni sono sempre esaustive e complete! Grazie ancora e buon lavoro!

    Rispondi
  13. Se posso vorrei porvi un’ulteriore quesito: la domanda puo’ essere inviata tramite e-mail normale? Anche per questo tipo di domanda di iscrizione cartacea la scadenza e’ oggi 28 gennaio? Grazie mille

    Rispondi
  14. Buongiorno, sono un’insegnante e vorrei ritirare adesso mio figlio da scuola per fargli fare istruzione parentale. Frequenta la terza media. E’ possibile? Cosa succederà per gli esami? Grazie

    Rispondi
    • Buongiorno Vale.
      Di norma, il ritiro entro il 15 marzo dà la possibilità di sostenere l’esame da privatista. Dopo quella data, si dovrebbe essere scrutinati sulla base delle valutazioni e delle assenze fino a quel momento, pur essendo “ritirati”.
      E’ consigliabile tentare di parlarne con il dirigente.
      Dovremmo conoscere la situazione più approfonditamente per poter esprimere un pensiero più circostanziato.
      Saluti.

      Rispondi

Lascia un commento