Questa pagina contiene moduli visionabili e scaricabili, utili per intraprendere e continuare il percorso di istruzione famigliare.
In tutti i casi, sono proposte scaturite dall’elaborazione di LAIF e hanno un valore progettuale e propositivo, ma non istituzionale. Il loro uso non esime il dichiarante/richiedente dalla conoscenza e dalla consapevolezza delle situazioni e delle condizioni che i moduli sottendono.
La responsabilità del loro utilizzo è sempre in capo ai firmatari.

Per agevolare lo studio, alcuni moduli sono accompagnati da link ad approfondimenti; in caso di dubbio, consultate anche le nostre risposte alle domande più frequenti.

Dichiarazione di Istruzione Parentale

Per legge, la dichiarazione annuale di Istruzione Parentale è il documento necessario e sufficiente per esercitare il diritto-dovere di istruire ed educare direttamente i propri figli.
È una comunicazione, non una richiesta, e va consegnata annualmente (di solito entro fine gennaio) al Dirigente Scolastico del territorio dei residenza (il Dirigente della scuola che frequentano in genere i ragazzini che abitano nella vostra zona; in caso di dubbio, consigliamo di chiedere in Comune).
Per chi è in età di scuole superiori, si suggerisce di consegnare la dichiarazione di Istruzione Parentale al Dirigente dell’istituto in cui è conservato il fascicolo personale del ragazzo (ad esempio: scuola media o scuola di ultima iscrizione).

Consigliamo di inviare la dichiarazione per conoscenza anche al Sindaco del comune di residenza.

Proponiamo diversi moduli, a seconda dell’età del bambino/ragazzo in istruzione. Una volta scelto e scaricato quello adatto, il modulo è da adeguare alla propria situazione e da compilare:

  1. fino ai 15 anni compiuti: Dichiarazione di Istruzione Parentale fino a 15 anni compiuti
  2. a 16 anni (se vostro figlio compie 16 anni durante l’anno scolastico per cui fate la dichiarazione): Dichiarazione di Istruzione Parentale a 16 anni
  3. dai 16 anni compiuti ai 18: Dichiarazione Istruzione Parentale 16-18, obbligo formazione

Dovrete inviarla ufficialmente, avendo cura di procurarvi la ricevuta della scuola; potete seguire le stesse procedure che usate per la comunicazione di istruzione parentale:

  • o consegnandola personalmente e facendola protocollare; ricordatevi in questo caso di farvi consegnare una copia con il numero di protocollo (che è la vostra ricevuta)
  • o inviandola mediante raccomandata con ricevuta di ritorno
  • oppure spedendola via pec; in tal caso, è meglio che tutti i documenti siano inseriti nel testo della pec e non vengano allegati.

Le Norme per la dichiarazione annuale dettano i riferimenti normativi per la presentazione della dichiarazione annuale di Istruzione Famigliare.

Per approfondire l’argomento, trovate sul nostro sito le FAQ sulla dichiarazione/comunicazione annuale

Moduli aggiornati e perfezionati in data 23 gennaio 2021. La versione precedente può comunque ritenersi valida. Per maggiori informazioni sull’autocertificazione delle capacità tecniche o economiche vedi la sezione dedicata al modulo di autocertificazione delle capacità.

 

Autocertificazione delle capacità tecniche o economiche

La normativa non prevede il possesso di nessun titolo di studio specifico per attuare l’Istruzione Parentale, né abilitazioni all’insegnamento, o altri tipi di qualifiche.

Il Decreto Legislativo 62 del 2017 non menziona una necessità per i genitori di dimostrare il possesso delle cosiddette “capacità tecniche o economiche“.
Tale necessità era però presente nelle norme precedenti e molte circolari continuano a riportarla. Perciò è possibile che il Dirigente scolastico richieda una dichiarazione in questo senso.

Resta il il fatto che manca completamente una definizione delle “capacità tecniche o economiche”, come pure l’indicazione di un’eventuale soglia minima.

Nel caso il DS richiedesse una dichiarazione specifica, oltre a quanto già indicato nella dichiarazione di Istruzione Parentale, è possibile inviare una autocertificazione classica delle capacità tecniche o economiche.

Abbiate cura di inviarla ufficialmente e di procurarvi la ricevuta della scuola; potete seguire le stesse procedure che usate per la comunicazione di istruzione parentale:

  • o consegnandola personalmente e facendola protocollare; ricordatevi in questo caso di farvi consegnare una copia con il numero di protocollo (che è la vostra ricevuta)
  • o inviandola mediante raccomandata con ricevuta di ritorno
  • oppure spedendola via pec; in tal caso, è meglio che tutti i documenti siano inseriti nel testo della pec e non vengano allegati.

 

Modulo di ritiro dalla scuola

Ritiro da scuola: nel caso in cui la famiglia abbia deciso di avvalersi dell’istruzione famigliare e il proprio figlio sia già iscritto a scuola, è necessario accompagnare la dichiarazione di istruzione famigliare alla comunicazione di ritiro dalla frequenza scolastica.

Anche questo dovrete inviarlo ufficialmente, avendo cura di procurarvi la ricevuta della scuola:

  • o consegnandola personalmente e facendola protocollare; ricordatevi in questo caso di farvi consegnare una copia con il numero di protocollo (che è la vostra ricevuta)
  • o inviandola mediante raccomandata con ricevuta di ritorno
  • oppure spedendola via pec; in tal caso, è meglio che tutti i documenti siano inseriti nel testo della pec e non vengano allegati.

 

Richiesta di colloquio di accertamento, “ai fini della verifica dell’assolvimento dell’obbligo di istruzione”, in sostituzione dell’esame standard (per il primo ciclo di istruzione)

Qui si trova la richiesta di accertamento (primo ciclo di istruzione), sostitutiva di esame di idoneità standard. Si può utilizzare per i primi sette anni di istruzione.
Si intende che il modulo va compilato e personalizzato.

Ricordatevi di inviarla ufficialmente, avendo cura di procurarvi la ricevuta della scuola:

  • o consegnandola personalmente e facendola protocollare; ricordatevi in questo caso di farvi consegnare una copia con il numero di protocollo (che è la vostra ricevuta)
  • o inviandola mediante raccomandata con ricevuta di ritorno
  • oppure spedendola via pec; in tal caso, è meglio che tutti i documenti siano inseriti nel testo della pec e non vengano allegati.

E’ opportuno avanzare tale richiesta dopo aver intrapreso un dialogo costruttivo con il Dirigente.
Si consiglia di farlo dopo aver esplicitato le caratteristiche del proprio approccio all’istruzione parentale mediante il progetto famigliare di Istruzione (esempi in area riservata ai soci).
Si consiglia altresì di corredare la presente domanda del portfolio delle competenze (esempi in area riservata ai soci).

Se richiedete l’esame in una scuola diversa da quella competente per residenza (a cui avete comunicato l’avvio o la prosecuzione dell’istruzione parentale), è opportuno concordare la modalità di comunicazione tra le scuole coinvolte, affinché i due Dirigenti possano agevolmente trasmettersi le informazioni necessarie.

 

Richiesta di colloquio per l’accertamento per ragazzino con diagnosi di DSA, BES o ADHD – per il primo ciclo di istruzione

Qui si trova il modulo (che va compilato e personalizzato) per la richiesta di colloquio di accertamento per ragazzino con diagnosi di DSA-BES-ADHD. Si può utilizzare per i primi sette anni di istruzione.

E’ opportuno avanzare tale richiesta dopo aver intrapreso un dialogo costruttivo con il Dirigente.
Si consiglia di farlo dopo aver esplicitato le caratteristiche del proprio approccio all’istruzione parentale mediante il progetto famigliare di Istruzione (esempi in area riservata ai soci).
Si consiglia altresì di corredare la presente domanda del portfolio delle competenze (esempi in area riservata ai soci).

Ricordatevi di inviarla ufficialmente, avendo cura di procurarvi la ricevuta della scuola:

  • o consegnandola personalmente e facendola protocollare; ricordatevi in questo caso di farvi consegnare una copia con il numero di protocollo (che è la vostra ricevuta)
  • o inviandola mediante raccomandata con ricevuta di ritorno
  • oppure spedendola via pec; in tal caso, è meglio che tutti i documenti siano inseriti nel testo della pec e non vengano allegati.

Se richiedete l’esame in una scuola diversa da quella competente per residenza (a cui avete comunicato l’avvio o la prosecuzione dell’istruzione parentale), è opportuno concordare la modalità di comunicazione tra le scuole coinvolte, affinché i due Dirigenti possano agevolmente trasmettersi le informazioni necessarie.

 

Richiesta di esame di idoneità – per il primo ciclo di istruzione

Modulo di richiesta-di-esame di idoneità (per il primo ciclo di istruzione), utile per i primi sette anni di istruzione.

Se richiedete l’esame in una scuola diversa da quella competente per residenza (a cui avete comunicato l’avvio o la prosecuzione dell’istruzione parentale), è opportuno concordare la modalità di comunicazione tra le scuole coinvolte, affinché i due Dirigenti possano agevolmente trasmettersi le informazioni necessarie.

Ricordiamo che la scadenza per la presentazione della richiesta è il 30 aprile (D.M. 05 del 08/02/2021, art. 3 comma 1).

Ricordatevi di inviare il modulo ufficialmente, avendo cura di procurarvi la ricevuta della scuola; potete seguire le stesse procedure che usate per la comunicazione di istruzione parentale:

  • o consegnandola personalmente e facendola protocollare; ricordatevi in questo caso di farvi consegnare una copia con il numero di protocollo (che è la vostra ricevuta)
  • o inviandola mediante raccomandata con ricevuta di ritorno
  • oppure spedendola via pec; in tal caso, è meglio che tutti i documenti siano inseriti nel testo della pec e non vengano allegati.

 

Iscrizione all’esame di terza media

Se vostro figlio si accinge a sostenere l’esame conclusivo del primo ciclo (esame di terza media), vi suggeriamo di prendere contatto quanto prima con la scuola che avete scelto (ad esempio in base al PTOF) e di inviare al più presto la Domanda di iscrizione-esame-di-terza-media.

Nel 2021 la scadenza per tale domanda era fissata al 20 marzo.

Ricordatevi di inviarla ufficialmente, avendo cura di procurarvi la ricevuta della scuola; potete seguire le stesse procedure che usate per la comunicazione di istruzione parentale:

  • o consegnandola personalmente e facendola protocollare; ricordatevi in questo caso di farvi consegnare una copia con il numero di protocollo (che è la vostra ricevuta)
  • o inviandola mediante raccomandata con ricevuta di ritorno
  • oppure spedendola via pec; in tal caso, è meglio che tutti i documenti siano inseriti nel testo della pec e non vengano allegati.

Se richiedete l’esame in una scuola diversa da quella competente per residenza (a cui avete comunicato l’avvio o la prosecuzione dell’istruzione parentale), è opportuno concordare la modalità di comunicazione tra le scuole coinvolte, affinché i due Dirigenti possano agevolmente trasmettersi le informazioni necessarie.

 

Iscrizione all’esame di terza media per homeschooler con diagnosi di DSA, ADHD o BES

Se vostro figli ha una diagnosi di Disturbi Specifici dell’Apprendimento, di A.D.H.D., o ha comprovati Bisogni Educativi Speciali, è consigliabile dichiararlo al momento della presentazione dell’iscrizione all’esame, corredando la domanda di iscrizione con la diagnosi, oltre che con il progetto famigliare.

Un esempio di modulo di Iscrizione all’esame di terza media per homeschooler DSA BES ADHD

Ricordatevi di inviarla ufficialmente, avendo cura di procurarvi la ricevuta della scuola; potete seguire le stesse procedure che usate per la comunicazione di istruzione parentale:

  • o consegnandola personalmente e facendola protocollare; ricordatevi in questo caso di farvi consegnare una copia con il numero di protocollo (che è la vostra ricevuta)
  • o inviandola mediante raccomandata con ricevuta di ritorno
  • oppure spedendola via pec; in tal caso, è meglio che tutti i documenti siano inseriti nel testo della pec e non vengano allegati.