Per le famiglie che hanno problematiche DSA presentiamo due documenti fondamentali:  la legge 170 (8 ottobre 2010) e le linee guida (allegate al D.M. 12 luglio 2011).
Parliamo anche di come affrontare l’esame e parliamo del PDP (Piano Didattico Personalizzato), dando delle indicazioni su come rapportarsi con le istituzioni scolastiche.
Abbiamo inoltre una raccolta di articoli sul tema DSA (trovate sotto il link).

 

La Legge 170/2010

La Legge n. 170 dell’8 ottobre 2010 “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico” riconosce la dislessia, la disortografia, la disgrafia e la discalculia quali disturbi specifici dell’apprendimento “che si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali, ma possono costituire una limitazione importante per alcune attività della vita quotidiana”.  Nel comma 1 della legge 170/2010 si definisce il diritto dello studente con diagnosi DSA di “fruire di appositi provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica nel corso dei cicli di istruzione e formazione e negli studi universitari.”

Per chi fa scuola a casa e vuole affrontare un esame la legge 170 dà il diritto di avere  compensativi e dispensativi adottati per lo studio a casa (cioè sintesi vocale calcolatrice e altro…)

Link alla legge integrale:  legge 170/2010

 

Le linee guida allegate al D.M. 12 luglio 2011

Le linee guida sono parte integrante della legge 170, servono per approfondire nel dettaglio i vari passaggi in abito scolastico, e inoltre permettono di definire le modalità con cui si svolgerà l’esame e quali dispensativi e compensativi andranno adottati.

Link alla legge integrale:  linee guida 12 luglio 2011

 

Linee guida per impostare l’esame per i propri figli in regime di istruzione famigliare

Il mio consiglio personale: partite con un congruo anticipo sugli esami, visto e considerato che c’è bisogno di tempo per redigere un PDP [1] fatto come si deve.

Ecco le cose da fare per far valere i diritti di vostro figlio/a in sede d’esame:

  1. Avere una diagnosi di DSA.
  2. Contattare un Dirigente Scolastico per valutare con lui/lei se ci sono i presupposti per creare un ambiente accogliente per vostro figlio/a.
  3. Con due copie della diagnosi, recatevi alla segreteria della scuola di riferimento, chiedete che vengano protocollate entrambe: una resterà alla segreteria e verrà messa nel fascicolo di vostro figlio/a e l’altra resterà in mano vostra. Anche la vostra copia deve essere protocollata.
  4. Con la diagnosi, contattate il Dirigente Scolastico oppure il referente DSA all’interno della scuola, chiedete di redigere un PDP in base a:
    1. le comorbilitá del ragazzo/ragazza
    2. i consigli degli specialisti che hanno redatto la diagnosi di DSA
    3. il modo in cui avete studiato in corso d’anno, ad esempio, se avete usato mappe concettuali, video calcolatrice, sintesi vocali, ecc.  Alla luce di questo, indicate tutti i dispensativi e i compensativi di cui si potrà avvalere vostro figlio/a in sede di esame. Con lo stesso criterio, stabilite anche le modalità di svolgimento delle prove invalsi (da inserite nel PDP).
  5. Quando la scuola vi consegnerà il PDP, prima di firmare, leggetelo attentamente e fate in modo che vi siano tutte le indicazioni da voi richieste. Prendetevi il tempo di rifletterci ed eventualmente di consigliarvi con esperti.  Se fosse necessario, chiedete che il PDP venga integrato o modificato.
  6. Chiedete via raccomandata l’ammissione all’esame entro la fine di aprile, facendo riferimento al PDP con n. di protocollo, e presentate il programma che avete svolto durante l’anno. Spero di esservi stata utile.


Pedercini Carla


[1] Pdp = piano didattico personalizzato, è uno strumento previsto dalla legge 170/2010 per favorire il successo scolastico degli studenti con DSA. Si tratta di una sorta di patto d’intesa fra scuola e famiglia (quindi i genitori sono protagonisti delle scelte indicate), nel quale devono essere individuati e definiti gli strumenti compensativi, le misure dispensative di cui l’alunno ha bisogno, le forme di verifica personalizzate. Esso permette inoltre di adattare il programma e le attività didattiche alle esigenze del ragazzo/a. È diverso per ogni ragazzo/a ed è modificabile nel tempo.

 

Gli articoli sul tema DSA

Abbiamo selezionato degli articoli sul tema DSA, che approfondiscono i diversi aspetti legati a questo tipo di situazione.

Li trovate al seguente link:   articoli sui DSA