Riferimenti normativi sulla dichiarazione di istruzione parentale e le capacità tecniche o economiche

Home » Quadro normativo di riferimento » Riferimenti normativi sulla dichiarazione di istruzione parentale e le capacità tecniche o economiche
decreto

La dichiarazione di istruzione parentale e del possesso delle capacità tecniche o economiche sono regolate da una serie di norme di livelli diversi: dal decreto alla nota ministeriale.
La nostra Costituzione delinea le condizioni per la scelta dell’istruzione parentale.

Ricordiamo che l’istruzione parentale può essere attivata in qualsiasi momento dell’anno, quando i genitori ne ravvedano l’opportunità, semplicemente attraverso la presentazione di una dichiarazione alla scuola del territorio di residenza.

Chi sa che la avvierà nell’anno scolastico successivo e quindi, per questo motivo, non effettua l’iscrizione a scuola, deve darne comunicazione al dirigente scolastico di residenza entro il termine utile per le iscrizioni online.

Il rinnovo della scelta di istruzione parentale non avviene tacitamente, ma richiede la dichiarazione relativa da parte dei genitori. Esso va effettuato entro il termine delle iscrizioni online (di solito verso gennaio), secondo le indicazioni contenute nella nota ministeriale che, di norma, viene emanata fra la fine di novembre e l’inizio di dicembre dell’anno precedente.

Sommario

    Capacità e incapacità genitoriale

    La Costituzione della Repubblica Italiana, all’Articolo 30, pone in capo ai genitori la responsabilità dell’istruzione ed educazione dei figli, alla sola condizione che i genitori non si trovino in una condizione di incapacità.
    Detta incapacità genitoriale può a ragione essere considerata in senso lato, così come l’incapacità di mantenere i figli, che è posta sullo stesso piano.


    E’ dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire e educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio.
    Nei casi d’incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti.

    Sulla questione della responsabilità genitoriale e dell’eventuale incapacità genitoriale (che deve essere comprovata), è recentemente intervenuta anche la Corte di Cassazione con un’interessante ordinanza. Segui il link qui sotto se ti interessa approfondire:

    Capacità tecniche o economiche e dichiarazione di istruzione parentale

    Ai tempi dell’Unità d’Italia, per provvedere direttamente all’istruzione ed all’educazione dei figli, era comprensibile che i genitori dovessero comunicare la propria decisione all’autorità competente e dimostrare di possederne le capacità tecniche oppure quelle economiche.

    Si pongono in continuità con questa linea, tra l’altro, anche:

    I genitori dell’obbligato o chi ne fa le veci che intendano provvedere privatamente o direttamente all’istruzione dell’obbligato devono dimostrare di averne la capacità tecnica od economica e darne comunicazione anno per anno alla competente autorità.

    I genitori, o chi ne fa le veci, che intendano provvedere privatamente o direttamente all’istruzione dei propri figli, ai fini dell’esercizio del diritto-dovere, devono dimostrare di averne la capacità tecnica o economica e darne comunicazione anno per anno alla competente autorità, che provvede agli opportuni controlli.

    Il Decreto Legislativo del 13 aprile 2017 N° 62, l’ultimo ad essersi espresso in materia, all’Art. 23 ribadisce la necessità della dichiarazione di istruzione parentale e precisa che questa deve essere presentata annualmente al Dirigente scolastico del territorio di residenza.
    Il decreto non menziona le capacità tecniche o economiche. Ciò pare coerente con l’art. 30 della Costituzione della Repubblica italiana.

    1. In caso di istruzione parentale, i genitori dell’alunna o dell’alunno, della studentessa o dello studente, ovvero coloro che esercitano la responsabilità genitoriale, sono tenuti a presentare annualmente la comunicazione preventiva al dirigente scolastico del territorio di residenza. […]

    La nota ministeriale annuale

    Ogni anno, fra novembre e dicembre, il Ministero dell’Istruzione pubblica una nota che disciplina le iscrizioni a scuola per l’anno scolastico successivo.
    Per gli homeschooler, essa reca informazioni operative sulla comunicazione di istruzione parentale, sulle tempistiche e sul suo destinatario, suddivise per ciclo e grado di istruzione.

    Segui il link qui sotto per leggere i dettagli della nota relativa all’anno scolastico 2024-2025.:

    Foto di Katamaheen da Pixabay