Il Consiglio  Direttivo di LAIF ha approvato in data 11 ottobre 2018 il seguente regolamento, riguardante i rimborsi delle spese sostenute per l’Associazione:
  1. Sono rimborsabili le spese sostenute da qualsiasi associato, nell’espletamento delle funzioni relative ad attività tendenti a produrre utilità per l’Associazione.
  2. Tali attività dovranno essere coerenti con le finalità statutarie.
  3. Le spese saranno rimborsabili nei limiti del bilancio, senza mai superare un quarto del totale in cassa al momento dell’approvazione della liquidazione in Consiglio (vedi punto 7).
  4. Nel caso di superamento della quota disponibile dal bilancio, la differenza verrà distribuita in modo proporzionale fra tutte le spese presenti in quel periodo.
  5. La richiesta di rimborso, con l’indicazione dell’attività a cui è correlata e dell’ammontare preventivato, dovrà essere inoltrata al Consiglio Direttivo in via ordinaria, ed in via straordinaria per casi d’urgenza alla presidenza e alla segreteria.
  6. Nel primo caso, la richiesta verrà autorizzata dal Consiglio con una deliberazione; nel secondo, verrà autorizzata dalla presidenza e dalla segreteria e tale decisione verrà posta in ratifica nel primo consiglio successivo.
  7. La liquidazione del rimborso avverrà previa presentazione delle pezze giustificative corrispondenti. La richiesta definitiva potrà scostarsi da quella preventiva per motivazioni documentabili e nella misura dettata dal buonsenso.
  8. La liquidazione dei rimborsi avverrà in due momenti all’anno, a giugno e a dicembre, per le richieste pervenute nei mesi precedenti a questi momenti.
  9. I rimborsi per spostamenti in automobile o altri mezzi privati motorizzati saranno parametrati al costo chilometrico determinato dal sito michelin (https://info.viamichelin.it/consigli-pratici/quanto-costa-il-vostro-percorso) per una utilitaria.
  10. Nel caso di spostamenti con mezzo pubblico, sarà rimborsato il costo del biglietto.
  11. In caso di possibilità di scelta a pari condizioni, verrà rimborsata l’opzione più economica.
  12. Casi particolari verranno valutati di volta in volta.
  13. L’effettiva liquidazione avverrà in favore del richiedente nel più breve tempo possibile, compatibilmente con l’organizzazione operativa.
  14. Per i rimborsi di vitto, si stabilisce una cifra di 5 €/giorno una tantum per attività che implichino questa necessità.
  15. Nel caso gli spostamenti con mezzi propri possano essere effettuati in forma condivisa, il rimborso sarà accordato ad un unico soggetto.