“Un re andò nel suo giardino e trovò alcuni alberi e delle piante morenti, mentre alcuni fiori erano appassiti.
La quercia disse che stava morendo perchè non poteva essere alta come il pino.
Osservando il pino il re lo trovò sofferente perchè non poteva portare grappoli come la vite.
E la vite stava morendo perchè non poteva fiorire come la rosa. Infine trovò una pianta, la viola, fresca e fiorente come sempre. Alla domanda del re la viola rispose: “Mi è sembrato scontato che quando mi hai piantato tu desiderassi una viola. Se avessi voluto una quercia, un pino, una vite o una rosa, avresti piantato quelle.
Allora ho pensato: visto che non posso essere altro che ciò che sono, cercherò di manifestarmi al meglio di me stessa.”
(Osho)
Accettazione di sé

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.