Il progetto didattico-educativo: aspetti normativi

Home » Il progetto didattico-educativo: aspetti normativi
progetto didattico-educativo

Il progetto didattico-educativo è entrato nella legislazione italiana sull’istruzione parentale nel 2021, con il Decreto Ministeriale 8 febbraio 2021 N°5, “Esami integrativi ed esami di idoneità nei percorsi del sistema nazionale di istruzione”.
Questo importante documento è da intendersi come un’occasione preziosa per le famiglie per far conoscere il proprio percorso di istruzione parentale alle scuole presso cui sosterranno l’esame ed ai docenti che predisporranno le prove.
Esso è stato introdotto soltanto nel primo ciclo di istruzione ed è lo strumento nel quale la famiglia informa la scuola del percorso di apprendimento svolto e degli obiettivi raggiunti in vista dell’esame. Il decreto sopra citato ne stabilisce le finalità e le caratteristiche, nonché il destinatario e la scadenza per la presentazione.

Fin dall’analisi del termine che lo definisce, appare chiaro che non si tratta di un “programma svolto”, ma di un documento progettuale, che comprende anche gli aspetti educativi, oltre a quelli didattici e che ha quindi una maggiore profondità rispetto ad un programma di tipo scolastico suddiviso per materie, senza riferimenti alle specificità dei singoli discenti.

Sommario

    Caratteristiche, destinatario e scadenze

    Articolo 3 comma 1 – Esami di idoneità nel primo ciclo di istruzione. Modalità di svolgimento:
    I genitori degli alunni o coloro che esercitano la responsabilità genitoriale presentano, entro il 30 aprile di ciascun anno, la richiesta di sostenere l’esame di idoneità al dirigente dell’istituzione scolastica statale o paritaria prescelta, unitamente al progetto didattico-educativo seguito nel corso dell’anno. L’istituzione scolastica accerta l’acquisizione degli obiettivi in coerenza con le Indicazioni nazionali per il curricolo.

    Il progetto didattico-educativo deve quindi:

    • contenere gli obiettivi di apprendimento raggiunti nell’ultimo anno (scolastico)
    • contenere informazioni sul percorso di apprendimento, sugli approcci adottati dalla famiglia e sugli aspetti educativi di rilievo (essendo un progetto sia educativo che didattico)
    • essere coerente con gli obiettivi delle Indicazioni nazionali per il curricolo del primo ciclo di istruzione; attenzione: con gli obiettivi, non anche con i traguardi!
    • essere presentato a corredo della domanda di esame di idoneità nel primo ciclo di istruzione, entro il 30 aprile, al dirigente scolastico dell’Istituto prescelto per l’esame.

    Finalità del progetto didattico-educativo

    Articolo 3 comma 10 – Esami di idoneità nel primo ciclo di istruzione. Modalità di svolgimento:
    Le prove d’esame sono predisposte dalla commissione tenendo a riferimento il progetto didattico-educativo di cui al comma 1 nonché, nel caso di alunni con disabilità o disturbi specifici di apprendimento, il piano educativo individualizzato o il piano didattico personalizzato, laddove presente.

    Il progetto didattico-educativo è il tramite ufficiale fra la famiglia in istruzione parentale e l’istituzione scolastica al momento dell’esame. La sua finalità principale è quella di consentire ai docenti della commissione di predisporre delle prove d’esame adeguate al percorso di studi del(la) giovane homeschooler. Per essere tali, le prove devono quindi tenere a riferimento il progetto presentato dalla famiglia.
    Indirettamente, le finalità quindi sono altre, tra cui vale la pena di ricordare:

    • offrire alla scuola un’occasione per conoscere meglio la giovane persona che si sottopone all’esame ed il suo ambiente, oltre naturalmente al suo percorso di apprendimento ed all’approccio della famiglia
    • favorire il dialogo fra scuola e famiglia
    • fornire una prova delle “capacità tecniche” dei genitori, le quali non devono per forza coincidere con dei titoli di studio, ma con una competenza genitoriale su larga scala.

    Alcune criticità

    Le ultime note ministeriali contengono alcune criticità ed introducono elementi di confusione. Se vuoi approfondire questa tematica, ti consigliamo di cominciare dall’ultima circolare, leggendo “Progetto didattico-educativo di massima preventivo” e seguendo poi i link ed i percorsi che trovi al suo interno.

    Foto di Gerd Altmann da Pixabay