I bambini educano se stessi IV: lezioni dalla Sudbury Valley – Peter Gray

Home » Essere Homeschooler » Riflessioni sull'apprendimento » I bambini educano se stessi IV: lezioni dalla Sudbury Valley – Peter Gray

In questo articolo di Peter Gray, l’autore prosegue argomentando come i bambini educhino se stessi prendendo come esempio l’esperienza della Sudbury Valley School.

Pubblicato da Peter Gray il 13 Agosto 2008 nella rubrica “Freedom To Learn” di Psychology Today.

Per 40 anni, i bambini si sono istruiti in questa scuola.

La Sudbury Valley School è stata, negli ultimi 40 anni, il segreto meglio custodito dell’istruzione americana. La maggior parte degli studenti dell’educazione non ne ha mai sentito parlare. I professori dell’educazione lo ignorano, non per cattiveria ma perché non possono concepirlo nel loro quadro di pensiero educativo.

Il modello di istruzione della Sudbury Valley non è una variazione dell’istruzione standard. Non è una versione progressiva della scuola tradizionale. Non è una scuola Montessori o una scuola Dewey o una scuola costruttivista piagetiana. È qualcosa di completamente diverso.

Per capire la scuola bisogna partire da una mentalità completamente diversa da quella che domina il pensiero educativo attuale. Si deve iniziare con il pensiero: gli adulti non controllano l’educazione dei bambini; i bambini educano se stessi.

Ma il segreto sta nel risultato, diffuso in gran parte da studenti e altri che hanno sperimentato direttamente la Sudbury Valley School. Oggi almeno due dozzine di scuole in tutto il mondo sono modellate sulla Sudbury Valley.

Prevedo che tra 50 anni, se non prima, il modello della Sudbury Valley sarà presente in ogni manuale di istruzione standard e sarà adottato da molti sistemi scolastici pubblici. Tra 50 anni, prevedo, l’approccio odierno all’educazione sarà visto da molti se non dalla maggior parte degli educatori come un barbaro residuo del passato. La gente si chiederà perché il mondo abbia impiegato così tanto tempo per fare i conti con un’idea così semplice e ovvia come quella su cui si fonda la Sudbury Valley School: i bambini educano se stessi; non dobbiamo farlo per loro.

Gli altri articoli

Nell’ultimo post, ho riassunto le prove che i bambini cacciatori-raccoglitori imparano la straordinaria quantità di cui hanno bisogno per diventare adulti efficaci attraverso il gioco e l’esplorazione auto-diretti. Nel post precedente, ho sottolineato che i bambini nella nostra cultura imparano molte delle lezioni più difficili che impareranno mai prima di iniziare la scuola, interamente di propria iniziativa, senza la direzione o lo stimolo degli adulti. [Post precedenti]
E ora, sulla base delle esperienze della Sudbury Valley School, sostengo che l’autoeducazione funziona altrettanto bene per i bambini e gli adolescenti in età scolare nella nostra cultura quanto per i bambini in età prescolare e per i cacciatori-raccoglitori.

Per molti anni ho avuto l’opportunità di osservare la Sudbury Valley School, sia come padre di uno studente che è andato lì sia come accademico usando la scuola come risorsa per studiare il gioco e l’apprendimento autodiretto. Ecco, ti parlerò un po’ della scuola.

Innanzitutto, alcuni fatti banali. La scuola è stata fondata 40 anni fa e da allora è ininterrottamente operativa. È una scuola diurna privata, a Framingham, nel Massachusetts, aperta a studenti dai quattro anni fino all’età delle scuole superiori

La scuola non è in alcun modo elitaria. Ammette gli studenti senza tener conto di alcuna misura del rendimento scolastico e opera a un costo per alunno che è circa la metà di quello delle scuole pubbliche circostanti. La scuola ha attualmente circa 200 studenti e 10 membri del personale adulto. È ospitata in un palazzo vittoriano e in un fienile ristrutturato, che si trova su 10 acri di terreno in una parte della città che era in gran parte rurale quando la scuola iniziò a funzionare. Ora, i fatti più notevoli riguardanti il ​​modo di operare della scuola:

La scuola funziona come una democrazia partecipativa

La Sudbury Valley School è prima di tutto una comunità in cui bambini e adolescenti sperimentano direttamente i privilegi e le responsabilità del governo democratico. L’organo amministrativo principale è l’Assemblea scolastica, composta da tutti gli studenti e dai membri del personale.

In modalità una persona = un voto, l’Assemblea scolastica, che si riunisce una volta alla settimana, crea tutte le regole della scuola, prende decisioni sugli acquisti scolastici, istituisce comitati per supervisionare il funzionamento quotidiano della scuola e assume e licenzia membri del personale . I bambini di quattro anni della scuola hanno lo stesso voto degli studenti più grandi e dei membri del personale adulto in tutto questo.

Nessun membro del personale della scuola è in carica. Tutti hanno contratti di un anno, che devono essere rinnovati ogni anno attraverso un’elezione a scrutinio segreto. Poiché gli studenti elettori sono più numerosi del personale in un fattore di 20 a 1, il personale che sopravvive a questo processo e viene rieletto anno dopo anno è quello che ottiene l’ammirazione dagli studenti. Sono persone gentili, etiche e competenti e che contribuiscono in modo significativo e positivo all’ambiente scolastico. Sono adulti che gli studenti potrebbero desiderare in qualche modo di emulare.

Le regole della scuola sono applicate dal Comitato Giudiziario, che cambia regolarmente i membri ma include sempre un membro del personale e studenti che rappresentano l’intera fascia di età della scuola. Quando uno studente o un membro del personale viene accusato da un altro membro della scuola di aver violato una regola, l’accusatore e l’imputato devono comparire davanti al Comitato Giudiziario, che determina l’innocenza o la colpevolezza e, in quest’ultimo caso, decide su una sentenza appropriata. In tutto questo, i membri del personale sono trattati allo stesso modo degli studenti. Nessuno è al di sopra della legge.

La scuola non interferisce con le attività degli studenti

Gli studenti sono liberi, tutto il giorno, tutti i giorni, di fare ciò che desiderano a scuola, purché non violino nessuna delle regole della scuola. Le regole, tutte emanate dall’Assemblea della Scuola, hanno a che fare con la tutela della scuola e la tutela delle possibilità degli studenti di perseguire i propri interessi senza che gli altri ne siano ostacolati.

I membri della scuola non devono fare rumore nelle stanze designate come “silenziose”, usare in modo improprio l’attrezzatura o non riporla al termine, deturpare la proprietà della scuola, usare droghe illegali nel campus o comportarsi in qualsiasi modo nei confronti di un’altra persona che la faccia sentire molestata. Comportamenti di questo tipo sono il foraggio delle denunce del Comitato giudiziario.

Nessuna delle regole della scuola ha a che fare con l’apprendimento. La scuola non somministra test. Non valuta né classifica i progressi degli studenti.[1] Non esiste un curriculum e nessun tentativo di motivare gli studenti a imparare.

I corsi hanno luogo solo quando gli studenti prendono l’iniziativa di organizzarli e durano solo finché gli studenti lo desiderano. Molti studenti della scuola non si iscrivono mai a un corso e la scuola non vede alcun problema in questo.

I membri del personale della scuola non si considerano insegnanti. Sono, invece, membri adulti della comunità che forniscono un’ampia varietà di servizi, tra cui alcuni insegnamenti. La maggior parte del loro “insegnamento” è della stessa varietà che si può trovare in qualsiasi ambiente umano; implica rispondere a domande sincere e presentare idee nel contesto di conversazioni reali.

La scuola è un ambiente ricco per il gioco e l’esplorazione, e quindi per l’apprendimento

L’apprendimento alla Sudbury Valley è in gran parte casuale. Si verifica come effetto collaterale del gioco e dell’esplorazione auto-diretti degli studenti. La scuola è un posto meraviglioso per giocare ed esplorare. Fornisce spazio e tempo per tali attività. Fornisce anche attrezzature, inclusi computer, una cucina completamente attrezzata, un laboratorio di falegnameria, un’aula d’arte, attrezzature per parchi giochi, giocattoli e giochi di vario genere e molti libri. Gli studenti hanno anche accesso a uno stagno, un campo e una foresta vicina per il gioco e l’esplorazione all’aperto.

Coloro che sviluppano un interesse speciale, che necessita di qualche nuovo pezzo di attrezzatura, possono convincere l’Assemblea scolastica ad acquistarlo, oppure raccogliere i soldi ed acquistarlo da soli in qualche modo, ad esempio vendendo biscotti a scuola.

La risorsa più importante della scuola, per la maggior parte degli studenti, sono gli altri studenti, che tra loro manifestano un’enorme gamma di interessi e capacità. A causa della libera mescolanza di età a scuola, gli studenti sono esposti regolarmente alle attività e alle idee di altri che sono più grandi e più giovani di loro.

Il gioco misto offre ai bambini più piccoli continue opportunità di imparare dai più grandi. Ad esempio, molti studenti della scuola hanno imparato a leggere come effetto collaterale dei giochi che prevedono parole scritte (compresi i giochi per computer) con studenti che già sanno leggere. Imparano a leggere senza nemmeno rendersene conto.

L’utilità della conversazione

Gran parte dell’esplorazione degli studenti a scuola, specialmente quella degli adolescenti, avviene attraverso le conversazioni. Gli studenti parlano di tutto ciò che è immaginabile, tra loro e con i membri del personale, e attraverso tali discorsi sono esposti a una vasta gamma di idee e argomenti. Poiché nessuno è un’autorità ufficiale, tutto ciò che viene detto e ascoltato in una conversazione viene inteso come qualcosa su cui riflettere, non come un dogma da memorizzare o un feedback per un test.

La conversazione, a differenza della memorizzazione delle nozioni per un test, stimola l’intelletto. Il grande psicologo russo Lev Vygotsky ha sostenuto, molto tempo fa, che la conversazione è il fondamento del pensiero superiore; e le mie osservazioni sugli studenti della Sudbury Valley mi convincono che aveva ragione. Il pensiero è conversazione interiorizzata; la conversazione esterna con altre persone la fa iniziare.

Centinaia di laureati attestano l’efficacia educativa della scuola

Il mio primo studio sulla Sudbury Valley School, molti anni fa, fu uno studio a posteriori sui laureati. Da quel momento, la scuola stessa ha condotto diversi studi sui laureati, che sono stati pubblicati come libri.[2] Tutti questi studi hanno dimostrato che la scuola funziona bene come istituzione educativa.

I laureati della Sudbury Valley possono essere trovati oggi in tutta la gamma di carriere apprezzate dalla nostra società. Sono abili artigiani, imprenditori, artisti, musicisti, scienziati, assistenti sociali, infermieri, medici e così via. Coloro che hanno scelto di proseguire l’istruzione superiore non hanno avuto particolari difficoltà ad entrare in college e università, comprese quelle altamente selettive, o ad ottenere buoni risultati una volta ammessi. Molti altri hanno avuto successo nella carriera senza andare al college.

Ancora più importante, gli ex studenti riferiscono di essere felici della loro vita. Sono quasi unanimi nel riferire di essere contenti di aver frequentato la Sudbury Valley e di credere che la scuola li abbia preparati meglio di quanto avrebbe fatto una scuola tradizionale per la realtà dell’esistenza adulta. In misura considerevole mantengono, nell’età adulta, l’atteggiamento giocoso (e questo significa concentrato e intenso oltre che gioioso) nei confronti delle carriere e della vita che hanno sviluppato e perfezionato mentre erano a scuola.

Per i più curiosi

Se sei interessato a saperne di più sulla Sudbury Valley School, un buon punto di partenza è con il sito web della scuola. Il principale filosofo della scuola, e anche uno dei fondatori della scuola, è Daniel Greenberg. I suoi libri e altri libri sulla scuola possono essere trovati sul sito web della scuola. Il libro più recente di Greenberg, che consiglio, è “Turning Learning Right Side Up”, scritto in collaborazione con il noto professore di economia e innovatore Russell Ackoff.

Il mio interesse per questo e per i futuri incarichi non è quello di promuovere la Sudbury Valley come istituzione, ma di aiutare a creare un dialogo sul gioco, la curiosità, la natura umana e l’educazione che sia informato, in parte, dalle esperienze della scuola. Finora ho solo scalfito la superficie. Sono sicuro che per la maggior parte dei lettori ciò che ho detto qui solleva molte più domande che risposte. Chiedi e non esitare a includere i tuoi dubbi e le tue obiezioni.

Peter Gray

Tradotto per LAIF da Alessia Valmorbida.

Articolo originale

L’apprendimento attraverso il gioco

Prima serata Registrazione

Seconda serata Registrazione

Terza serata Registrazione

Credits: Pixnio.com

Lascia un commento