Peter Gray: smettiamola di separare i bambini per età – parte I

Home » Essere Homeschooler » Riflessioni sull'apprendimento » Peter Gray: smettiamola di separare i bambini per età – parte I

In questo articolo di Peter Gray, l’autore spiega i limiti del separare i  bambini per età.
Pubblicato da Peter Gray il 9 settembre 2008 nella rubrica “Freedom To Learn” di Psychology Today.

bambini per età
Credits: PxHere

I bambini imparano giocando nella zona di sviluppo prossimale.

Uno degli aspetti più strani – e a mio avviso più dannosi – del modo in cui trattiamo i bambini oggi è la nostra propensione a disporli in gruppi separati per età. Lo facciamo non solo nelle scuole, ma sempre più anche in contesti extrascolastici. In tal modo, priviamo i bambini di una componente preziosa dei loro mezzi naturali di autoeducazione .

La modalità di istruzione segregata per età divenne dominante all’incirca nello stesso periodo storico in cui divenne dominante l’approccio alla produzione con la catena di montaggio. L’analogia implicita è piuttosto ovvia.

Il sistema scolastico graduato tratta i bambini come se fossero elementi su una catena di montaggio, che si muovono da una fermata all’altra (da un livello all’altro), lungo un nastro trasportatore, tutti alla stessa velocità. Ad ogni fermata un operaio (insegnante) aggiunge qualche nuovo componente (unità di conoscenza) al prodotto. Alla fine della linea, la fabbrica sputa esseri umani completi, nuovi, adulti, tutti costruiti secondo le specifiche dei produttori (gli educatori professionali).

Naturalmente, chiunque abbia mai avuto o conosciuto un figlio, compresi tutti coloro che lavorano nelle nostre scuole per età, sa che questa visione da catena di montaggio dello sviluppo del bambino è completamente falsa. I bambini non sono prodotti passivi a cui possiamo aggiungere componenti. Essi non sono adulti incompleti che devono essere costruiti a poco a poco in una sequenza ordinata. I bambini sono esseri umani completi a pieno titolo, che chiedono costantemente di avere il controllo della propria vita e che, nonostante quello che gli facciamo passare, insistono per imparare ciò che vogliono e mettere in pratica le abilità che vogliono.
Non possiamo fermarli. Staremmo tutti molto meglio se li seguissimo piuttosto che combatterli.

Approfondimenti

In post precedenti ho descritto contesti in cui i bambini istruiscono se stessi, senza la direzione o l’incitamento degli adulti. In particolare, ho discusso dell’autoeducazione come avveniva una volta nelle bande di cacciatori-raccoglitori e come avviene oggi nelle scuole progettate per l’autoeducazione, in particolare la Sudbury Valley School. Una caratteristica importante di tali ambienti è che i bambini interagiscono regolarmente con gli altri attraverso l’intero spettro delle età. Gli antropologi hanno affermato che la mescolanza libera di età è la chiave per l’autoeducazione dei bambini cacciatori-raccoglitori; e Daniel Greenberg ha a lungo affermato che la mescolanza libera di età è la chiave per l’autoeducazione alla Sudbury Valley School, che ha contribuito a fondare [1].

Diversi anni fa, Jay Feldman (che allora era uno studente laureato che lavorava con me) ed io abbiamo condotto alcuni studi sulle interazioni di età mista presso la Sudbury Valley School, finalizzati a (a) determinare quanta mescolanza di età c’è nella scuola, (b) identificare i contesti in cui si è verificata la mescolanza di età e (c) identificare i modi in cui la mescolanza di età sembrava contribuire all’autoeducazione degli studenti.

 

Quando possono scegliere, i bambini trascorrono molto tempo interagendo con altri più grandi o più piccoli di loro.

La Sudbury Valley ha avuto, in un dato momento, circa 170-200 studenti, di età compresa tra i 4 ei 18 anni e talvolta anche di più. Gli studenti possono muoversi liberamente in ogni momento all’interno degli edifici scolastici e del campus e possono interagire con chi vogliono. La scuola è abbastanza grande da consentire agli studenti, se lo desiderano, di interagire solo con altri che hanno meno di un anno o due di età. Ma non lo fanno. Nel nostro studio quantitativo abbiamo scoperto che oltre il 50% delle interazioni sociali degli studenti a scuola erano con altri studenti che avevano più o meno di due anni rispetto a loro, e il 25% delle loro interazioni erano con altri studenti che avevano più o meno 4 anni rispetto a loro [2]. La mescolanza di età era particolarmente frequente durante il gioco.

Nelle prossime puntate di questo blog, discuterò i vari vantaggi di un ambiente misto di età per l’autoeducazione, utilizzando esempi tratti dalle nostre osservazioni alla Sudbury Valley [3]. Un chiaro vantaggio, e l’argomento della puntata di oggi, è questo:

 

La mescolanza di età consente ai bambini più piccoli di impegnarsi ed imparare da attività che non potrebbero fare da soli o solo con coetanei.

Negli anni ’30 lo psicologo evolutivo russo Lev Vygotsky sviluppò un concetto che chiamò zona di sviluppo prossimale, definita come l’ambito delle attività che un bambino può svolgere in collaborazione con altri più abili, ma che non può svolgere da solo o con altri pari di età oppure al suo stesso livello [4]. Vygotsky ha affermato che i bambini imparano meglio quando sono impegnati con altri più qualificati, all’interno delle loro zone di sviluppo prossimale. Sin dai tempi di Vygotsky, i professori di educazione hanno spesso utilizzato il concetto per descrivere le interazioni tra insegnanti adulti e giovani studenti, ma il concetto si applica molto meglio, credo, alle interazioni naturali tra bambini di età mista.

Per capire meglio

Come scena (che ho usato altrove), immagina due bambini di 4 anni che provano a fare un semplice gioco di presa [5]. Non possono farlo. Nessuno dei due bambini può lanciare la palla abbastanza dritta da permettere all’altro di prenderla, quindi il gioco non è divertente e si dissolve rapidamente. Ora immagina un bambino di 4 anni che gioca a palla con un abile bambino di 8 anni. Il bambino più grande, tuffandosi e saltando, può cogliere i lanci selvaggi del più piccolo e può divertirsi a farlo; e il bambino più grande può lanciare la palla direttamente nelle mani tese del più piccolo, così quest’ultimo può provare la gioia di prenderla. Pertanto, la presa è un gioco all’interno della zona di sviluppo prossimale del bambino di 4 anni. In un ambiente separato per età composto solo da bambini di 4 anni, non ci sarebbero prese; ma in un ambiente di età mista che comprende sia bambini di 8 anni che di 4 anni, questo gioco è nel regno delle possibilità di tutti.

In qualsiasi momento della giornata a Sudbury Valley puoi trovare bambini piccoli che, con bambini più grandi, fanno attività che non sarebbero in grado di vivere solo con i coetanei. Questi includono giochi intellettuali così come quelli atletici. Giocano insieme non perché qualcuno lo richieda, ma perché lo vogliono. I bambini più piccoli sono attratti dalle attività e dalle personalità dei più grandi e i bambini più grandi apprezzano l’opportunità di interagire con i più piccoli.

Un esempio

Ecco un esempio di gioco intellettuale nella zona di sviluppo prossimale. In diversi casi abbiamo osservato bambini di 7 o 8 anni giocare a complicati giochi di carte in gruppi con bambini più grandi e adolescenti . Da soli, i bambini di 7 e 8 anni non sarebbero in grado di giocare a questi giochi. Non sarebbero in grado di mantenere la loro attenzione concentrata abbastanza a lungo, o tenere traccia delle regole, o persino tenere le carte abbastanza dritte da impedire agli altri di vederle. Possono giocare con i bambini più grandi perché i più grandi li tengono in carreggiata, ricordando loro quando necessario ciò che dovevano fare e talvolta dando loro suggerimenti strategici: “Fai attenzione.” “Cerca di ricordare quali carte sono state giocate.” “Pensa prima di posare una carta e non giocare qualcosa che un altro giocatore può prendere.”

Attenzione, memoria e lungimiranza sono gli elementi di ciò che comunemente chiamiamo intelligenza. Giocando a carte, attività che facevano solo per divertirsi, i bambini più grandi aiutavano incidentalmente i più piccoli a sviluppare la loro intelligenza.

Il concetto di Vygotsky ci aiuta anche a capire come i bambini imparano a leggere alla Sudbury Valley. I bambini, che non sanno leggere o non sanno leggere bene, possono essere trovati regolarmente a giocare a giochi (soprattutto quelli per il computer), che coinvolgono la parola scritta, con bambini che sanno leggere bene. I lettori leggono ad alta voce ciò che gli altri non possono, e nel processo i non-lettori diventano gradualmente essi stessi lettori.

Conclusioni

La mescolanza di età consente, inoltre, ai bambini piccoli di impegnarsi in avventure giocose che sarebbero troppo pericolose per loro da fare da soli o solo con i coetanei. I bambini che, giustamente, sarebbero troppo spaventati per avventurarsi da soli nei boschi, si sentono al sicuro, se lo fanno con bambini più grandi, che conoscono i boschi. Allo stesso modo, i bambini piccoli, che non conoscono l’arrampicata sugli alberi, si sentono al sicuro avventurandosi su alcuni dei rami più bassi se i bambini grandi sono sotto di loro, consigliando loro come farlo, pronti a prenderli se cadono.

Quando sei piccolo e solo con ragazzi della tua età, la gamma di attività possibili è limitata dalle conoscenze e dalle capacità di quelli della tua fascia d’età; ma in collaborazione con ragazzi più grandi non c’è quasi limite a ciò che potresti fare!

Peter Gray 

 

Riferimenti:
[1]. Greenberg, D. (1992). Sudbury Valley’s secret weapon: Allowing people of different ages to mix freely at school. In D. Greenberg (Ed.), The Sudbury Valley School experience, 3rd ed. Framingham, MA: Sudbury Valley School Press.
[2]. Gray, P. and Feldman, J. (1997). Patterns of age mixing and gender mixing among children and adolescents at an ungraded democratic school. Merrill-Palmer Quarterly, 43, 67-86.
[3]. Gray, P. and Feldman, J. (2004). Playing in the Zone of Proximal Development: Qualities of Self-Directed Age Mixing Between Adolescents and Young Children at a Democratic School. American Journal of Education, 110, 108-145.
[4]. Vygotsky, L. (1978). Interaction between learning and development. In M. Cole, V. John-Steiner, S. Scribner, and E. Souberman (Eds), Mind and society: the development of higher psychological processes. Cambridge, MA: Harvard University Press.
[5]. Gray, P. The value of age-mixed play. Education Week, April 16, 2008.

 

Tradotto per LAIF da Alessia Valmorbida.

Articolo originale

 

L’apprendimento attraverso il gioco

Prima serata Registrazione

Seconda serata Registrazione

Terza serata Registrazione

 

Credits:
In questa rubrica trovi altri articoli di Peter Gray su come i bambini sappiano educare se stessi.
Foto di PxHere

Lascia un commento