Perché dovremmo smettere di segregare i bambini per età: parte III

Home » Essere Homeschooler » Riflessioni sull'apprendimento » Perché dovremmo smettere di segregare i bambini per età: parte III

In questo articolo di Peter Gray, l’autore spiega i limiti del separare i bambini per età.
Pubblicato da Peter Gray il 24 settembre 2008 nella rubrica “Freedom To Learn” di Psychology Today.

i bambini per età
Credits: PxHere

I bambini più grandi sono ottimi modelli, aiutanti e insegnanti di quelli più piccoli.

Noi adulti ci lusinghiamo quando pensiamo di essere i migliori modelli, guide ed insegnanti per i bambini. I bambini sono molto più interessati agli altri bambini che a noi; sono particolarmente interessati e pronti ad imparare da coloro che sono un po’ più grandi di loro, un po’ più avanti nel loro sviluppo, ma non troppo avanti. I più piccoli sono attratti dai bambini più grandi e i bambini più grandi sono attratti dagli adolescenti. L’età adulta è troppo lontana per essere motivo di preoccupazione. Ecco perché la mescolanza di età è cruciale per l’ autoeducazione dei bambini.

Nei miei due post precedenti mi sono concentrato sul valore del gioco fra età miste. Ho descritto come i bambini più piccoli vengono incoraggiati in questi giochi a fare cose che non potrebbero fare solo con i coetanei; ho descritto come il gioco fra età miste sia spesso più creativo, meno competitivo e più favorevole alla sperimentazione rispetto al gioco con i coetanei. Ora completiamo questa serie sulla mescolanza di età descrivendo alcuni modi, al di là del gioco, attraverso i quali la presenza di bambini più grandi e più piccoli promuove l’autoeducazione. Come al solito, i miei esempi provengono principalmente da osservazioni alla Sudbury Valley School, dove gli studenti, di età compresa tra i 4 anni e le superiori, si mescolano liberamente tutto il giorno.

 

I bambini più piccoli vogliono fare quello che fanno i bambini più grandi.

Una mattina di sole, mentre sedevo vicino al cortile della scuola, ho visto due bambine di 10 anni eseguire facilmente e con nonchalance il trucco di camminare erette lungo lo scivolo.
Una bambina di 6 anni nelle vicinanze le ha osservate più attentamente di me, quindi è salita sulla scala ed ha iniziato a scendere lei stessa con cautela dallo scivolo.
Questa era chiaramente una sfida per la bambina. Camminava con le ginocchia piegate e le mani abbassate, pronta ad afferrare le rotaie se avesse perso l’equilibrio. Notai anche che le due ragazze più grandi rimanevano vicino allo scivolo e guardavano con una certa apprensione, pronte ad afferrarla, ma non troppo evidentemente, se fosse caduta.
Una disse: “Non devi farlo, puoi semplicemente scivolare“, ma la bambina ha continuato, lentamente, ed è stata raggiante di orgoglio quando è arrivata in fondo.

Poco dopo, le due ragazze più grandi iniziarono ad arrampicarsi su un albero vicino, e anche la ragazza più giovane le seguì in quell’attività. La bambina era chiaramente motivata a fare, con fatica, ciò che le ragazze più grandi riuscivano a fare con facilità.

Questa è solo una delle molte, molte osservazioni su bambini piccoli, che modellano il loro comportamento su quello dei bambini più grandi.

In generale è utile non separare i bambini per età

I bambini che stanno per essere in grado di giocare a giochi di strategia, o leggere, o eseguire nuove operazioni sul computer, o impegnarsi in attività atletiche più avanzate, diventano motivati ​​a farlo osservando tali attività nei bambini più grandi e negli adolescenti.

Nel nostro studio su come e perché i bambini imparano a leggere a scuola, alcuni ci hanno detto che volevano leggere perché erano invidiosi dei ragazzi più grandi che leggevano e parlavano di ciò che avevano letto. Come ha detto uno studente, “Volevo la stessa magia che avevano loro; volevo unirmi a quel club“.

I bambini più piccoli non si limitano a imitare ciecamente quelli più grandi.
Piuttosto, guardano, pensano a ciò che vedono e incorporano ciò che apprendono nel proprio comportamento in modi che per loro hanno senso.

Per questo motivo, anche gli errori e i comportamenti malsani dei bambini più grandi possono fornire lezioni positive per i più piccoli.
I bambini piccoli parlano all’infinito di ciò che gli piace e non gli piace delle attività dei più grandi intorno a loro. I modelli negativi possono essere utili quanto quelli positivi. “Non ho intenzione di fare quello che fa X, perché posso vedere tutti i problemi che gli porta.

I bambini imparano moltissimo anche solo ascoltando o origliando i più grandi, anche quando non interagiscono con loro. Ascoltando il linguaggio e i pensieri dei bambini più grandi – che sono più sofisticati dei loro, ma non tanto da essere fuori portata – espandono il proprio vocabolario e la propria gamma di pensieri.

 

I bambini più grandi si ispirano anche a quelli più piccoli.

Non sono solo i bambini più piccoli i cui orizzonti sono ampliati dall’ambiente misto di età. Alla Sudbury Valley, i bambini più grandi e gli adolescenti sono ispirati dai giocattoli e dalle azioni dei più piccoli, che gli permettono di continuare a dedicarsi ad attività che probabilmente avrebbero abbandonato nella mezza infanzia in un ambiente con separazione delle età. Continuano, ad esempio, a giocare con blocchi, argilla, pastelli e colori. Di conseguenza, molti di loro diventano straordinariamente bravi in ​​queste attività. La scuola ha prodotto un numero notevole di artisti creativi di successo, e sospetto che l’ambiente misto di età abbia molto a che fare con questo.

 

I bambini più grandi sono ottimi aiutanti e consiglieri dei bambini più piccoli, in parte perché non aiutano o consigliano troppo.

I bambini spesso preferiscono chiedere aiuto o consiglio a un bambino più grande piuttosto che ad un adulto, anche quando è disponibile un adulto a cui potrebbero chiedere facilmente. Sospetto che ci siano molte ragioni per questo, ma una delle ragioni principali credo abbia a che fare con il controllo.

I bambini che cercano aiuto o consiglio non vogliono rinunciare al proprio controllo della situazione. Non vogliono più aiuto di quello che chiedono e vogliono decidere da soli se accettare o meno ciò che viene offerto.

Poiché è più probabile che gli adulti vengano visti come figure autoritarie rispetto ai bambini più grandi, è più difficile rifiutare l’aiuto di un adulto o andarsene quando il consiglio va oltre ciò che il bambino desidera.

Inoltre, secondo le mie osservazioni, è molto meno probabile che i bambini più grandi degli adulti offrano aiuto o consigli al di là di ciò che il bambino desidera.
I bambini più grandi non sono preoccupati per lo sviluppo a lungo termine del bambino che ha chiesto loro aiuto, o per il fatto che si presentino o meno come meravigliosi insegnanti e guide, quindi danno solo l’aiuto richiesto, che è tutto ciò che vuole il bambino più piccolo.

Un altro esempio di cooperazione fra bambini di età diverse

In una delle osservazioni di Jay Feldman, ad esempio, Sue di 5 anni ha chiesto ad Anne di 8 anni di infilare l’ago su un telaio di perline per lei, cosa che doveva fare per completare un braccialetto che stava facendo.[1]
Dopo che Anne ha infilato l’ago, Sue ha continuato il suo lavoro da sola, senza ulteriore aiuto, e Anne non ne ha offerto nessuno, anche se Sue ha continuato ad avere difficoltà con il telaio e ha commesso molti errori.

Se Sue avesse chiesto a un adulto di infilare l’ago, piuttosto che a un bambino più grande, l’adulto avrebbe potuto aggirarsi e aiutare Sue con altre parti del suo progetto, il che avrebbe tolto a Sue l’orgoglio di fare il lavoro da sola.
Chiaramente Sue non voleva ulteriore aiuto, anche se il progetto era difficile per lei, quindi era più sicuro chiedere a un bambino di 8 anni.

[Nota: i nomi degli studenti in questo e altri esempi sono pseudonimi.]

Quindi, ecco una preziosa lezione che noi adulti possiamo imparare dai bambini sull’aiutare e consigliare i bambini: non dare più aiuto, o più consigli, di quanto ti viene chiesto! A pensarci bene, la stessa lezione vale per aiutare e consigliare gli adulti. So che quando chiedo aiuto non chiedo supervisione. Voglio solo l’aiuto che ho chiesto. Voglio fare il resto da solo, anche se così commetterò più errori. Un aiutante troppo disponibile mi toglie il senso di libertà, autocontrollo e gioco.

 

I bambini più grandi sono ottimi maestri dei più piccoli, anche perché non sono troppo avanti rispetto a loro.

Daniel Greenberg ha sottolineato questo punto in uno dei suoi libri sulla Sudbury Valley, dove ha scritto: “I bambini amano imparare dagli altri bambini. Prima di tutto, spesso è più facile. L’insegnante bambino è più vicino di un adulto alle difficoltà dello studente, essendoci passato un po’ più di recente. Le spiegazioni sono di solito più semplici, migliori. C’è meno pressione, meno giudizio.” [2]

Non solo le spiegazioni sono più semplici, ma, poiché provengono da qualcuno più vicino all’età, sono più facili da contestare. È più probabile che vengano viste come idee su cui riflettere, piuttosto che come Verità, e la comprensione viene dal pensiero, non dalla cieca accettazione. Ecco un esempio tratto da una delle osservazioni di Jay Feldman:

Ed, di otto anni, si stava lamentando con il quattordicenne Arthur di come altri due ragazzi lo avessero preso in giro chiamandolo con nomi che non gli piacevano. Arthur ha detto a Ed che avrebbe dovuto sporgere denuncia al Comitato Giudiziario della scuola. Ed ha poi detto: “Hanno libertà di parola“. Arthur, dopo un po’ di riflessione, rispose che la libertà di parola significava che loro avevano il diritto di dire quelle cose, ma Ed aveva anche il diritto di non sentirle. Ed, dopo averci pensato un po’, disse: “Va bene“. [3]

Si noti che in questo esempio Ed si è sentito abbastanza uguale ad Arthur da sfidare il suo suggerimento, e la sfida ha portato a una nuova idea. Notare anche il linguaggio elegante dello scambio. Le grandi idee sono state espresse in poche e semplici parole.

 

I bambini più grandi espandono la propria comprensione attraverso spiegazioni ai bambini più piccoli.

Chiunque sia mai stato un insegnante sa che impariamo di più quando insegniamo rispetto a quando ci viene insegnato. L’esigenza di esprimere idee in parole, che gli altri possano comprendere, e la necessità di pensare attraverso le obiezioni, che gli altri potrebbero fare, ci porta a riflettere profondamente su ciò che pensavamo di sapere. Spesso questo ci porta ad una comprensione migliore di quella che avevamo prima. In un ambiente con età miste, i bambini, non solo gli adulti, possono imparare attraverso l’insegnamento.

Nell’esempio sopra, il quattordicenne Arthur, il “maestro”, probabilmente ha imparato almeno quanto Ed, il protetto, di 8 anni, nella loro conversazione. La sfida di Ed al suggerimento di Arthur ha portato Arthur a riflettere ulteriormente e ad espandere la sua spiegazione in un modo a cui forse non aveva pensato prima. Entrambe le parti probabilmente hanno lasciato la conversazione con una comprensione più profonda della democrazia a scuola rispetto a prima.

Come altro esempio, considera il caso di un bambino più grande che gioca a scacchi o qualche altro gioco di strategia con un bambino più piccolo e insegna la strategia mentre giocano. Quando il bambino più grande dice al più piccolo che la mossa A sarebbe meglio della mossa B, il più giovane dice: “Perché?” Per rispondere a questa domanda, il giocatore esperto non può fare affidamento solo sull’istinto viscerale sviluppato da una lunga esperienza con gli scacchi, ma deve articolare una spiegazione. Deve trasformare la sua conoscenza scacchistica implicita in conoscenza consapevole ed esplicita, e così facendo diventa un giocatore di scacchi migliore. Esempi simili si verificano in ogni ambito di scambio di conoscenze e idee tra persone che si sentono libere di porre domande.

 

I bambini più grandi sviluppano compassione e capacità di nutrimento aiutando i più piccoli

Ancora più preziosi dei guadagni cognitivi derivati ​​dall’interazione con i bambini più piccoli sono i guadagni morali. Per svilupparsi efficacemente come esseri responsabili ed etici, i bambini devono avere l’esperienza di prendersi cura degli altri, non solo l’esperienza di essere curati da altri. Le osservazioni in molte culture hanno dimostrato che sia i ragazzi che le ragazze si comportano in modo più premuroso nei confronti dei bambini di diversi anni più giovani di loro rispetto ai bambini vicini alla loro età. I bambini piccoli sembrano tirare fuori gli istinti di nutrimento che giacciono latenti in tutti noi. Uno studio, in Kenya, ha rivelato che i ragazzi che si prendevano cura dei fratelli più piccoli a casa si comportavano in modo meno aggressivo, più gentile, verso i coetanei rispetto ai ragazzi che non avevano questa opportunità.[4]

Apparentemente, l’istinto di accudimento viene rafforzato attraverso le interazioni con i bambini più piccoli e, una volta rafforzato, si generalizza ai coetanei.

Esempi dall’esperienza della Sudbury Velley

Nelle osservazioni alla Sudbury Valley, ogni giorno si possono vedere molti esempi di bambini che accudiscono i più piccoli.

Questi includono scene di bambini più grandi che leggono ai più piccoli, che si siedono sulle loro ginocchia; bambini più grandi che aiutano i più piccoli a ritrovare oggetti smarriti o ad aggiustare cose che hanno rotto; ed i bambini più grandi che danno gli stimoli necessari ai più piccoli, mentre svolgono le loro attività quotidiane.

Alcune delle scene più interessanti sono quelle in cui un bambino più grande critica un bambino più piccolo per il suo cattivo trattamento nei confronti di un bambino ancora più piccolo.

In un caso, ad esempio, abbiamo osservato una bambina di 10 anni spiegare a tre bambine dai 6 agli 8 anni perché dovrebbero lasciare che un certo bambino di 4 anni si unisca a loro nel loro gioco. “Come ti sentiresti se non fossi incluso“, ha detto. In un altro caso abbiamo osservato un ragazzo di 17 anni rimproverare un ragazzo di 13 anni per il suo modo ostile di respingere un ragazzo di 8 anni che gli aveva chiesto di giocare con lui. I rimproveri che abbiamo sentito in questi esempi furono molto più efficaci di quanto lo sarebbero stati se proferiti da un adulto, proprio perché ricevuti da un bambino più grande.


Conclusioni

Prendendo questo saggio insieme ai due precedenti, concludo con il seguente riassunto. Un ambiente misto per età

(1) consente ai bambini più piccoli di impegnarsi in modo collaborativo in attività che non potrebbero svolgere solo con i coetanei;

(2) promuove forme di gioco non competitive e creative, ideali per acquisire nuove competenze;

(3) consente a coloro che sono avanti o indietro rispetto ai loro coetanei in certi ambiti di trovare altri che siano al loro livello;

(4) permette ai bambini più piccoli di essere ispirati dalle attività dei più grandi e viceversa;

(5) consente ai bambini più piccoli di ricevere aiuto e consigli senza rinunciare alla propria autonomia;

(6) consente ai bambini più grandi di apprendere attraverso l’insegnamento; e

(7) consente ai bambini più grandi di esercitarsi a prendersi cura dei più piccoli e di sviluppare un senso di responsabilità e maturità.

Quando separiamo i bambini per età, nelle scuole e in altri contesti li priviamo di tutto questo. Li priviamo dell’opportunità di utilizzare pienamente i loro modi naturali e gioiosi di imparare gli uni dagli altri.

 

Peter Gray  

 

Riferimenti:
[1] Feldman, J. (1997). The educational opportunities that lie in self-directed age mixing among children and adolescents. Ph.D. dissertation, Department of Psychology, Boston College, 1997.
[2] Greenberg, D. (1987). Free at last: the Sudbury Valley School. Framingham, MA: SudburyValley School Press.
[3] Gray. P. & Feldman, J. (2004). Playing in the zone of proximal development: Qualities of self-directed age mixing between adolescents and young children at a democratic school. American Journal of Education, 110, 108-145. Kk
[4] Ember, C. R. (1973).Feminine task assignment and the social behavior of boys. Ethos, 1, 424-439.

 

Tradotto per LAIF da Alessia Valmorbida.

Articolo originale

 

L’apprendimento attraverso il gioco

Prima serata Registrazione

Seconda serata Registrazione

Terza serata Registrazione

 

Credits: PxHere

In questa rubrica trovi altri articoli di Peter Gray su come i bambini sappiano educare se stessi.

2 commenti su “Perché dovremmo smettere di segregare i bambini per età: parte III”

  1. Ma esiste una pedagogia o tutto è affidato alla quotidianità? Che consapevolezza hanno gli educatori sulle fasi evolutive del bambino? I temperamenti hanno un ruolo nell’educazione?

    Rispondi
    • Buongiorno Flavio,
      Se si riferisce all’autore dell’articolo, non mi sembra di essere incappata per il momento in un suo approfondimento in merito. La invito a leggere il suo blog oppure il libro che ha scritto in merito.
      Se le sue domande sono sulla pratica dell’istruzione parentale, non c’è una sola risposta, perché ogni famiglia declina questa scelta nell’equilibrio che le calza meglio.
      Argomentando il suo commento potremo confrontarci su queste domande.

      Rispondi

Lascia un commento